Privacy Policy
venerdì 20 Settembre 2019

Polemos

Polemos15 Settembre 2019

Una dedica al poeta dell’anarchia e della dolcezza, Fabrizio De Andrè. Emozionante ripercorrere la nostra vita schierata nell’azione e dalla parte degli ultimi, degli sfruttati, leggendo “Che non ci sono ...

Polemos08 Settembre 2019

Parlando di poesia, non per celebrare i poeti, ma per cantare il suo ruolo nella cultura popolare, sul territorio, nella memoria. Citazione da un libro che racconta la storia della ...

Polemos01 Settembre 2019

Tra memoria e presente, sul confine. L’arroganza del pensiero unico ha una sua prevedibilità. Insidie sul periodo storico mediatico e senza pensiero.

Polemos25 Agosto 2019

Dedicato alla bellezza, in questi tempi di una bruttezza sconcertante. Alla divinità semplice e gentile di Amandine Beyer, violinista barocca capace di rovesciare il mondo.

Polemos18 Agosto 2019

Polemos affronta il tema del rapporto tra la brutalità e la stupidità. Tra le facce truci e virtuali e i desideri che ci rendono uomini e liberi. Esercizi di sovversione necessaria.

Polemos11 Agosto 2019

La poesia ci guida nella sapienza, nel dono e nella cura dell’incontro. Polemos sul vedere le cose da un altro punto di vista. Contro ogni vocazione intellettuale alla resa.

Polemos04 Agosto 2019

Quando in un Paese dilaga un’informazione conformista e cloroformizzata, che alterna banalità a revisionismi storici fatti passare per illuminate analisi editoriali, il risultato non può essere che l’indifferenza di fronte ...
La saggezza della semplicità e il silenzio dei giornalisti

Polemos28 Luglio 2019

L’uccisione del vicebrigadiere dei carabinieri Mario Cerciello Rega, a Roma. Una vicenda raccontata in prima battuta dai media in maniera distorta e rilanciata dalla politica con la spericolatezza ignobile che ...
Alt="Carabiniere buono, omicidi bianchi, razzisti delusi, vergogna per molti"

Polemos21 Luglio 2019

La caduta mediaticamente celebrata e la rinascita misteriosa. Da qualche parte sta agendo. Un pezzo scritto cinque anni e mezzo fa sulla deriva mediatica, lenta, inesorabile, senza freni.