• 16 Febbraio 2020
  1. Home
  2. Balcani

Categoria: Balcani

Albania e libertà di stampa, preoccupazioni Ue

Le preoccupazioni dell’Unione europea sulla situazione della libertà di stampa nel Paese. 'Il veto posto dal presidente Meta una opportunità per invertire rotta’. (nella foto il premier Edi Rama)

Allarme Balcani: Erdogan e Bosnia, Nato e Montenegro anti Serbia

 Dopo Erdogan anche l’Onu: «Accordi di Dayton da rivedere». L’Alto rappresentante Valentin Inzko sottolinea l'urgenza di un ripensamento. La discesa in campo della Turchia in chiave anti-russa. L’entità serba pronta a resistere. La Nato ha…

Croazia un po’ a sinistra, Milanovic Presidente, Macedonia Nord al voto

L’ex primo ministro socialdemocratico Zoran Milanović ha vinto le elezioni presidenziali in Croazia. Al ballottaggio, Milanović ha ottenuto il 52,7 per cento dei voti, mentre l’altra candidata, la presidente uscente, la conservatrice Kolinda Grabar-Kitarović, si…

Piccolo Montenegro grandi pretese, dopo la Nato una chiesa nazionale

Montenegro e la chiesa ortodossa nazionale. Si fa finta di litigare sulla storia ma in gioco ci sono vaste proprietà da sottrarre all'autorità del Patriarca di Belgrado. Esplode la rabbia del clero ortodosso serbo e…

Albania si sgretola a colpi di sisma e di malaffare

Albania. Centinaia di sfollati nello stadio di Durazzo. Le scosse continuano. Sale a trentanove il numero delle vittime. Gara della solidarietà, poi bisognerà fare i conti con speculazione e malaffare passato presente e futuro

Trema la costa albanese, Durazzo colata di cemento sull’Adriatico

Scossa di 6.2 gradi, 23 i morti finora trovati tra le macerie, 600 feriti, migliaia gli sfollati. Si scava ancora tra le macerie in cerca di improbabili superstiti. Abusivismo, progetti urbanistici fuorilegge, massa di resort,…

Moldavia con tanti ospiti a casa nostra: Occidente o Russia?

In bilico tra il blocco filoeuropeo di Maia Sandu e quello filorusso di Igor Dodon: le due anime del Paese sono per la prima volta allo stesso tavolo. Simone Benazzo su EastWest.

Kosovo, basta ‘signori della guerra’, al voto vincono i post Uck

Elezioni. Vincono Vetevendosje (nazionalista) e Lega democratica, con la candidata donna premier, Vjosa Osmani. Perde il partito del presidente della Repubblica Thaqui che va all'opposizione. Esclusi anche gli altri «signori della guerra»

Kosovo al voto per uscire dal dopo guerra Uck, guerriglia e altro

Elezioni anticipate e resa dei conti non solo politica ma anche generazionale. La cosiddetta 'coalizione della guerra' al voto divisa con tutti i partiti 'reduci' tra difficoltà interne e scheletri nell'armadio. Possibile un primo governo…

Musulmani bosniaci la Nato e l’Ue, oltre Dayton contro serbi e croati?

A Sarajevo congresso di SDA, Stranka Demokratske Akcije, il Partito di Azione Democratica, la creatura politica di Alija Izetbegovic nel 1990 per dare voce alla popolazione bosniaco-musulmana. Oltre Dayton per crescere o contro qualcuno? Le…

Armi serbe nel conflitto yemenita, triangolazione saudita e peggio

Il sito investigativo Bellingcat scopre un giro di armi fabbricate in Serbia e Balcani, comprate dall'Arabia saudita ed Emirati e gli stessi Usa) per 'suo uso interno' e poi finite nel macello Yemenita in mano…

Jihadisti di ritorno nei Balcani, aiuto dall’Ue o guai per tutti

Balcani: esperto all' ANSA, ritorni dei foreign fighter una sfida seria. L'Ue dovrebbe aiutare finanziariamente e con assistenza tecnica, avverte Stefano Giantin da Belgrado.

Kosovo sovranista arrabbiato, processi ed elezioni

Kosovo, scioglimento anticipato per il parlamento: voto tra fine settembre e inizio ottobre. Le ha imposte di fatto l'ex premier Ramush Haradinaj che il 19 luglio si è dimesso per contestare la legge imposta dalla…

Jihadisti andata e ritorno, Foreign Fighters nei Balcani

La più alta concentrazione di rientri di foreign fighter in Europa, nei Balcani occidentali. Lo rivela lo studio, "Western Balkans Foreign Fighters and Homegrown Jihadis americana.

Kosovo caos, l’ex premier inquisito, crimini in una guerra mai finita

Un ex capo delle formazioni albanesi Uck che combatterono contro il governo di Belgrado sino ai bombardamenti Nato del 1999, Ramush Haradinaj, divenuto primo ministro, lascia l'incarico e il Paese senza governo dopo essere stato…

Srebrenica, contabilità da becchini, militari olandesi vili al 10%

Balcani di sangue e di vergogna. La Corte suprema dell'Aja conferma la responsabilità parziale dell'Olanda nel massacro del 1995, ma si fa lo sconto, dopo quello sul numero delle vittime, quello monetario sulle colpe. Vergogna