martedì 18 giugno 2019

Tutti i post di "Antonio Cipriani"

Antonio Cipriani
Giornalista con una vocazione per il lato oscuro delle storie ufficiali, dopo una lunga esperienza all’Unità ha studiato e realizzato progetti editoriali che avessero al centro la democrazia dell’informazione. Ha partecipato alla costruzione di E Polis, di DNews e di Globalist syndication. Stagione professionale chiusa, si sta dedicando a nuovi progetti editoriali-artistici: tra questi Emergenze, il cui collettivo ha dato vita all’Edicola 518. Crede nel giornalismo di strada e nei progetti territoriali, culturali, artistici e narrativi, soprattutto con giovanissimi e pensionati.

Il mondo rovesciato si rivela per quello che è. Una farsa stucchevole dove agiscono mediocri arroganti di potere e persone bellissime e sapienti. Perché non è importante vincere, ma vivere.

Sul senso del margine, come confine tra mondi diversi. Sulla comunità dolce e che vive un tempo ricco e sulla Francigena strada che cuce.

Polemos torna sul tema del virtuale che sta divorando la realtà e annacqua senso civico. Teorie dello spippolatore social e bellezza sana del mio paese.
alt:"/come siamo arrivati a tutto questo"

Dialogo sul perché siamo arrivati a tutto questo. Dall'utopia di un mondo più giusto, alla vittoria di un modello cinico e spietato dove il più forte schiaccia il più debole. ...

Lui col cellulare come unico rapporto con la realtà. Lei no. Dialogo davanti a una vetrina su media e social, sulla realtà conformista e talvolta artefatta. Citando Carole Callwalladr.

Le mani sapienti di un intellettuale gentile che disegna muretti a secco. Lavora con la pietra come lavorasse con le parole. Del mistero e dell’ascolto.

Discorso sul populismo, quello ampiamente annunciato, ad alto contenuto fascista. Una riflessione su media e politica. Come essere rivoluzionari nel tempo dell'oscurità.

Lo stupore che porta a galla quel senso critico che è necessario, per non essere imbolsiti interpreti di una cultura che cancella ogni penombra. Che crea conformismo e obbedienza. Cronaca ...

Gli ulivi di Milano, sradicati dalla terra. Come anni fa il grano finto per Expo, sotto il Bosco Verticale, fintissimo. Riflessione sul senso dell’abitare al confine.