Covid, variante ‘Gryphon’ che negli Usa passa dal 4 al 41% in un mese, all’attacco in Europa

Altro che Cina con la sua vecchia ‘variante omicron’. I centri per il controllo delle malattie virali statunitensi segnalano un aumento rapidissimo della variante ‘XBB 1.5’ del Sars-CoV-2. Che per noi comuni mortali ha il nome di ‘Kraken‘, cognome ‘Griphon’, sempre di quella dannatissima e prolifica famiglia di Omicron.
Dai dati dei ‘Centers for disease control’, risulta che XBB 1.5 Gryphon, nel Nord est del Paese rappresenta ormai il 75% dei casi.
Omicron, Centaurus, Cerberus e Gryphon, la giungla delle varianti Covid
. ‘Gryphon’ si sta diffondendo anche in Europa, con particolare minaccia denunciata in Gran Bretagna. Le sottovalutazioni italiane.

Il virus più veloce di tutti

«Da alcuni mesi non vediamo una variante decollare a quella velocità», ha affermato alla Cnn Pavitra Roychoudhury, direttrice del sequenziamento del Covid-19 al laboratorio di virologia della University of Washington School of Medicine. La sottovariante XBB è già presente in Italia con ’36 sequenze’ mentre XBB.1.5 conta appena ‘due sequenze’, secondo l’ultimo report dell’Istituto di sanità. I contagi individuati facendo esami che purtroppo non si fanno correntemente.

Nuova ondata negli Stati Uniti

Questa variante, secondo virologi ed epidemiologi, potrebbe causare una nuova ondata di Covid negli Usa. La sua diffusione sta letteralmente galoppando. A inizio novembre 2022 la presenza di XXB.1.5- Kraken era ancora minima, ma in poche settimane si è registrata la crescita in assoluto più rapida di una sottovariante dai tempi di Omicron 1.

Peggio di Omicron

XBB.1.5 è aumentata a New York del 140% nell’ultimo mese, con un numero di ricoveri ospedalieri da Covid superiore rispetto a quello dell’ondata dell’estate 2021. «Di tutte le varianti nel mix attuale, XBB.1.5 ha il maggior vantaggio di crescita rispetto alla conosciuta Omicron 5, ed è in generale la più veloce di qualsiasi delle varianti dalla prima ondata di Omicron», spiega Eric Topol, direttore dello Scripps Research Translational Institute della California.

La mutazione 486

Gryphon – XB.1.5 contiene una mutazione chiamata F486P, che preoccupa gli scienziati non solo per la sua maggiore contagiosità (che consente di legarsi più saldamente all’ACE2, la porta di ingresso che il virus utilizza per entrare nelle nostre cellule) ma anche per una maggiore capacità di eludere gli anticorpi indotti dai vaccini o da precedenti infezioni. La mutazione F486 era stata identificata mesi fa e già indicata ad agosto.

Variente Usa ‘immuno-evasiva’

Secondo gli esperti XBB.1.5 sembra essere nata negli Stati Uniti. La nuova variante è stata rilevata per la prima volta a New York e nel Connecticut alla fine di ottobre. Trevor Bedford, professore di biologia al Fred Hutchinson Cancer Center di Seattle, ha dichiarato alla CNN che XBB.1.5 ha un tasso di crescita simile a quella della sua ‘lontana cugina BA.5’. A ottobre l’Organizzazione mondiale della Sanità ha definito la sottovariante Gryphon come «la più immuno-evasiva identificata dall’inizio della pandemia».

I sintomi

La variante non sembra per ora mostrare sintomi diversi da quelli conosciuti o una maggiore aggressività. Si parla di forte mal di gola, tosse, stanchezza, dolori articolari e muscolari diffusi con maggiore coinvolgimento delle alte vie aeree. Dal momento che la sottovariante sembra essere molto abile nell’eludere la protezione immunitaria dei vaccini, le persone più a rischio sono le persone fragili e gli anziani che in genere subiscono un decadimento maggiore della protezione anticorpale.

‘Evasione vaccinale’

David Ho, professore alla Columbia University citato dalla CNN, testando gli anticorpi del sangue di persone vaccinate e infettate, e ha scoperto che contro le sottovarianti XBB.1, il virus aveva 63 volte meno probabilità di essere neutralizzato dagli anticorpi nel sangue. La buona notizia viene da uno studio della della Stanford University che mostra come i vaccini bivalenti a Rna (in uso anche in Italia come richiami vaccinali) migliorano la neutralizzazione contro le sotto varianti Omicron tra cui anche questa nuovissima ‘Gryphon’.

Per questo le persone più fragili dovrebbero proteggersi con un ulteriore richiamo di vaccino anti Covid aggiornato.

‘Gryphon’ in Europa

Gryphon XBB.1.5., la nuova variante Omicron diffusa in 25 paesi, ed è in aumento anche in Europa. Allarme ufficiale, OMS da Ginevra. Secondo i dati raccolti finora dall’Organizzazione mondiale della sanità, ‘Gryphon’ sarebbe ‘più avvantaggiata nel contagio’ rispetto a tutte le precedenti varianti Omicron, ma allo stesso tempo non ci sono indicazioni che sia più pericolosa.

Allarme in Gran Bretagna

Se gli Stati Uniti sembrano reagire bene alla nuova contagiosa sottovariante, nel vecchio continente è la Gran Bretagna a essere preoccupata. Secondo gli esperti britannici infatti il Regno Unito, dove XBB.1.5. si sta diffondendo rapidamente, «non è pronta ad affrontare una nuova ondata della pandemia causata dal Coronavirus». Il Servizio sanitario nazionale britannico ha raccomandato l’uso della mascherina e di restare a casa se non ci si sente bene, mentre ai genitori è stato chiesto di non mandare i figli a scuola se hanno febbre o sintomi influenzali.

Preoccupazione anche in Germania

A esprimere la propria preoccupazione rispetto alla nuova variante è anche la Germania, dove il ministro della Sanità tedesco Karl Lauterbach ha diffuso i dati sulla presenza di Gryphon nel paese: «Monitoriamo se e quanto è forte XBB.1.5 e se sarà individuata anche in Germania – ha scritto su Twitter – speriamo di poter superare l’inverno prima che una tale variante possa diffondersi a noi».

Anche dal nostro ministero della sanità, un ‘aspetta e spera’, contando finisca meglio di come fu con ‘faccetta nera’.

Articolo precedente

L’addio a papa Ratzinger, bandiere italiane a mezz’asta, tensioni in Vaticano

Articolo successivo

Ucraina, il destino tra pace o guerra si decide sul ‘fronte interno’ delle potenze coinvolte

2 Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Most Popular

Remocontro