• 10 Aprile 2021

Cosa sta accadendo realmente in Giordania e cosa c’è dietro

In queste ore le notizie provenienti dalla Giordania circa un presunto golpe con arresto di alti funzionari e le voci di arresti domiciliari del Principe Hamza (fratellastro del Re) hanno riportato in primo piano l’importanza di un paese di modeste dimensioni geografiche, e certo non ricco come altri paesi dell’area, ma che ha sempre rivestito, insieme alla dinastia hashemita, una importanza fondamentale negli equilibri mediorientali e dell’ intero mondo islamico. Le notizie su questa vicenda sono ancora molto frammentarie e per cui ogni cautela è d’obbligo, ma è forse utile proporre alcuni elementi che aiutino a capire.

A sinistra il Principe  Hamza (fratellastro del Re) e Re Abdallah

Cos’è oggi il Regno Hashemita di Giordania

Va preliminarmente ricordato che la dinastia hashemita ha governato sulla Mecca sin dal X secolo e vanta una silsila (catena di discendenza) da Maometto, e tale dinastia gode quindi di un’autorevolezza che non ha pari nel mondo islamico se non, ma a un livello inferiore, per la dinastia alawide del Marocco. In epoca più recente, durante la 1^ guerra mondiale con Lawrence d’Arabia, gli Hashemiti con lo Sceriffo Hussein bin Ali, bisnonno dell’attuale Re Abdullah, hanno svolto un ruolo fondamentale contro la dominazione ottomana in Medio Oriente. Dal 1921 la dinastia hashemita regna in Giordania seppure sotto protettorato britannico fino al 1946.

Dopo la creazione dello Stato di Israele

Un periodo molto critico si è avuto dopo la creazione dello Stato di Israele non solo per le varie guerre sopravvenute ma in particolare per le migrazioni di masse di profughi palestinesi verso la Giordania dal 1948 in poi che ha avuto anche svolte molto drammatiche  fra cui il ‘settembre nero’ del 1970 in cui Re Hussein reagì militarmente a un tentativo da parte di gruppi palestinesi di rovesciare la monarchia hashemita. La componente palestinese in Giordania, arrivata ormai anche alla quarta generazione, rappresenta oggi circa il 50% della popolazione giordana ed ha generato uno dei più drammatici fenomeni migratori della storia contemporanea. In questa situazione è importante ricordare la designazione da parte di Re Abdullah nel 2004 di suo figlio quale erede al trono, privando di tale titolo il fratellastro Hamza (che ha denunciato di essere agli arresti domiciliari nelle scorse ore). Tale decisione  farà sì che il prossimo sovrano hashemita del Regno di Giordania sarà un sovrano che ha anche sangue palestinese (la Regina Rania è come noto palestinese).

Va ricordato che un altro ramo hashemita ha regnato in Iraq fino al colpo di stato del 1958 e che, subito dopo la caduta di Hussein nel 2003, alcune fonti ipotizzarono un ritorno della dinastia hashemita in Iraq.

La Giordania e la diaspora non solo palestinese

La funzione di polo di attrazione della Giordania su masse di profughi provenienti dai paesi vicini si è poi confermata purtroppo anche in anni più recenti  durante la prima e poi la seconda guerra del Golfo che ha visto una migrazione in più ondate di oltre mezzo milione di iracheni, sunniti ma anche sciiti e cristiani, e più recentemente dalla  Siria, con punte di oltre un milione di profughi. Al momento i profughi in Giordania, a parte i palestinesi, risulterebbero circa 700.000 ospitati per lo più in campi in aree semidesertiche che ormai hanno assunto la configurazione di megalopoli di fortuna. Seppure supportati dagli aiuti internazionali ciò rappresenta per un paese povero e con limitatissime risorse idriche, un onere di assoluta criticità poiché equivale a circa il 7% della popolazione (come avere circa 4 milioni di profughi in Italia). Sotto un profilo più generale, va quindi osservato che le vicende conflittuali degli ultimi 70 anni hanno indotto verso la Giordania un flusso globale di profughi pari a circa il 100% della popolazione media giordana originale di questi decenni, ciò rende il caso ‘Giordania’ un fenomeno di dinamica etnica più unico che raro nella storia moderna.

L’equilibrio giordano e le spinte israelo-americane

Parallelamente la Giordania ha poi condotto una politica di notevole equilibrio nell’area in particolare quale primo paese , con l’Egitto, a firmare un trattato di pace con  Israele già del 1994. Tuttavia alcune recenti decisioni israeliane (Gerusalemme capitale ed il ‘Deal of the Century’ firmato con gli USA ed accettato da alcuni paesi arabi) hanno notevolmente peggiorato tali rapporti e sono state definite  a “direct threat to Jordan’s sovereignty and independence”. Oltre alla questione della West Bank, vi è una questione forse meno nota ma non meno grave e riguarda le preoccupazioni giordane di perdere la “Custodia” sulla moschea di Gerusalemme che detiene dal 1924 e che, insieme alla discendenza da Maometto, costituisce motivo di particolare prestigio per la dinastia hashemita in tutto il mondo islamico.

Regno saudita: petrodollari e poca storia

Ciò in parte spiegherebbe anche le diffidenze ed i possibili contrasti, citati da varie fonti,  nei confronti dell’Arabia Saudita che già un secolo fa aveva sottratto alla dinastia hashemita dopo secoli il controllo della Mecca.  Alcune fonti negli ultimi mesi hanno anche ipotizzato una denuncia da parte giordana del trattato di pace del 1994 con Israele. Con riferimento all’ intera intricata situazione giordano-israelo-palestinese ed agli imprevedibili potenziali  sviluppi, un ex diplomatico britannico  esperto di M.O. ha affermato recentemente: “It  would be like throwing a grenade into a crowded room”.

Dinastia hashemita obiettivo jihadista

Va poi ricordato che il governo giordano e la dinastia hashemita, come altri paesi islamici,  è da anni inclusa fra gli obiettivi dichiarati dei gruppi jihadisti  e che in Giordania sono cresciuti alcuni fra i principali esponenti del terrorismo islamico: Abdullah ‘Azzam ( definito il vero ideologo di al-Qa’ida), Al-Zarqawi (fondatore dell’ ISI poi diventato ISIS), Al-Maqdisi (unico vivente, il teorico più letto dell’estremismo islamico). Ciononostante il paese mantiene un adeguato livello di democrazia con regolari elezioni.

Il moderatore Re Abdullah

Circa il ruolo moderatore e di equilibrio di Re Abdullah vanno infine ricordati due  eventi poco noti ma molto significativi. Alla vigilia dell’invasione dell’Iraq del 2003 egli ammonì che tale invasione avrebbe scoperchiato un “Vaso di Pandora” in tutto il Medio Oriente dalle conseguenze imprevedibili, la storia purtroppo gli avrebbe dato pienamente ragione, ma non fu ascoltato.

L’eresia di fede da parte di Al Qa’ida

Nel 2004, quando si erano ormai consolidati gli orientamenti ideologici dell’estremismo islamico in particolare con al-Qa’ida, Re Abdullah promosse una iniziativa (Risalat ‘Amman – Lettera di Amman), unica nel suo genere ed estremamente coraggiosa,  che produsse poi un documento nel 2005 firmato da oltre 200 imam e giureconsulti musulmani, anche sciiti (es l’ Ayatollah Al-Sistani), da oltre 50 paesi, in esso venivano demoliti sul piano teologico e dottrinale molti dei cardini ideologici adottati dall’estremismo islamico e dalle devianze dottrinali jihadiste.

La Giordania rappresenta al momento l’unica oasi di stabilità in un continuum di instabilità e conflittualità che va dall’Africa Occidentale all’ Afghanistan, perdere o degradare tale oasi di stabilità sarebbe una iattura dalle conseguenze imprevedibili per la Comunità Internazionale.

Giuseppe Santomartino

Giuseppe Santomartino

Giuseppe Santomartino, studioso di questioni islamiche formato all'Istituto universitario orientale di Napoli, e una carriere militare con alte responsabilità in giro per il mondo.

Articolo precedente

Bulgaria, stufi di essere ultimi nell’Ue, votano la voglia di cambiare

Articolo successivo

Dispotismo, guerre e grandi opere ormai senza soldi. Tramonto di Erdogan?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Remocontro