• 10 Aprile 2021

Al-Sisi 23° faraone tra le mummie della gloria in parata sulle macerie del presente

Al-Sisi 23° faraone tra le mummie delle gloria in parata sulle macerie del presente

Egitto sempre più armato e sempre più povero, con quei pochi vaccini anti Covid disponibili in vendita per mancanza di fondi pubblici. Ma in diretta mondiale, 22 mummie di faraoni e regine trasferite nel nuovo museo di al-Fustat, a documentare la grandeur del 23° faraone ora regnante. Mega protetti a cementare il regime personale di Al Sisi.

Finti carri egizi per trasferire 22 sarcofagi da un museo all’altro

Diretta mondo visione dopo l’imbrunire, telecronaca in arabo e inglese e mille luci a creare i chiaro scuri giusti per esaltare bellezza e mistero assieme, dei protagonisti di un Egitto che dominò e insegnò a un gran pezzo di mondo. Prima loro, i 22 faraoni veri e loro regine, poi il presidente Abdel Fattah al-Sisi che cerca ad ogni costo uno spazio suo nella storia prima di diventare a sua volta mummia.

Hollywood all’egiziana

«Uno a uno sullo schermo sono passati i busti, le maschere e il nome in geroglifici di 18 faraoni dalla 17esima alla 20esima dinastia e di quattro regine», precisano le cronache. Parata dorata che ieri ha accompagnato le 22 mummie dallo storico edificio di Tahrir al Museo nazionale della civilizzazione egiziana, il nuovo complesso costruito ad al-Fustat, l’antica capitale omayyide e la prima islamica d’Africa, oggi assorbita dalla straripante capitale del Cairo.

Aspirante faraone tra faraoni veri

Il presidente Abdel Fattah al-Sisi con segretario generale dell’Organizzazione mondiale del Turismo e la direttrice dell’Unesco ha accolto le mummie e inaugurato il nuovo museo. Al-Sisi con telecamere a suo favore, per la camminata in solitaria lungo un corridoio illuminato di blu. L’ascesa alla gloria con le opere di restauro di questi anni, tutte mostrate i video e tutte «volute e inaugurate da sua eccellenza il Presidente».

Un’inaugurazione da Olimpiadi

«Figuranti vestiti da antichi egizi con in mano lampade a illuminare la via, bambini in bianco e blu, l’orchestra seduta e i tamburi in marcia e infine i sarcofagi, portati in jeep per l’occasione trasformate in carri egizi dorati», la cronaca decisamente critica di Chiara Cruciati, che subito passa all’attualità di un Egitto ben diverso da quello che l’attuale potere ha voluto sfarzosamente rappresentare.

L’Egitto di Al Sisi senza piramidi tv

Un’operazione magnificente a poco più di una settimana dalla figuraccia del blocco del Canale di Suez. L’allargamento dell’istmo, e il nazionalismo promosso dall’ex generale al-Sisi in questi quasi sette anni di incontrastato potere, parte di un progetto unico. «Una nuova capitale, un nuovo Canale, la trasformazione della città vecchia del Cairo in un hub residenziale a cinque stelle, la rimozione – o meglio, l’oblio attraverso lo spostamento forzato – della povertà».

Potenza armata di conquista

«Il rafforzamento pleonastico di un esercito già monumentale con acquisti di armi al ritmo di una superpotenza, la pianificazione di lussuose linee ferroviarie ad alta velocità per turisti e classe alta, il ruolo nella crisi libica: tessere di un mosaico che ha alla base una visione precisa, fare dell’Egitto quel che era stato nel passato, il cuore pulsante politico del mondo arabo». Promozione politico-turistica in grande, per un Paese che resta comunque un ‘gigante coi piedi d’argilla’, un Paese che resta povero.

Dietro il trionfalismo del neo faraone

«Il 30% degli egiziani vive sotto la soglia di povertà (45 dollari al mese), un altro 30% poco sopra. I tagli ai sussidi per i beni di prima necessità – dall’elettricità ai prodotti alimentari – sono stati in questi anni al centro di battaglie andate ad affievolirsi tra chi protestava nelle strade e il governo, che ha chiesto sacrifici per il bene del paese mentre spendeva miliardi in armi (nel 2019-2020 il budget per la difesa era di 66,3 miliardi, quasi triplicato dai 25 del 2010-2011)».

Armi e vergogna vaccini

La proposta di far pagare i vaccini, 10 euro a dose in un paese in cui il salario medio si aggira sui 317 euro mese. Un’inchiesta due giorni fa dell’agenzia Mada Masr sulla «moria» di edifici in Egitto. «Crollati per mancati restauri quelli antichi, perché costruiti con materiali scadenti quelli nuovi. Non ci sono soldi, lamentano gli amministratori locali, né per demolire quelli pericolanti né per ristrutturarli». Paese povero ma potere incattivito, «ostaggio di un regime che criminalizza ogni forma di dissenso».

I veri monumenti Al Sisi

«Tra le spese affrontate in questi anni, la costruzione di almeno 13 nuove prigioni, per ospitare i 60mila prigionieri politici stimati. Sono attivisti, giornalisti, avvocati, sindacalisti, artisti, intrappolati nelle maglie di ‘lotta al terrorismo e sovversione’». Come l’orrore Regeni e l’attuale vergogna Zaki. «E nel nome del nazionalismo, della ricerca di una grandeur che ha reso infinitesimale la vita degli egiziani, immeritevole.

Remocontro

Remocontro

Articolo precedente

Giordania, complotto a corte: il fratellastro del re e i beduini filo sauditi

Articolo successivo

Al-Shabaab, jihadismo di Somalia, terrore in Africa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Remocontro