• 25 Giugno 2021

Brasile oltre 300mila morti. Lula: «Bolsonaro responsabile di questo genocidio»

Brasile più di 300mila morti. Lula: «Bolsonaro responsabile di questo genocidio»

Centomila morti da gennaio, più di 300 mila dall’inizio della pandemia, 3.650 in un giorno. Gli ospedali scoppiano. Lula accusa Bolsonaro: «Responsabile di questo genocidio». Con il 2,7 per cento della popolazione mondiale, il Brasile concentra l’11 per cento dei decessi globali. Là, dunque, il Covid uccide quattro volte di più rispetto al resto del pianeta.
In copertina, seppellimenti notturni al cimitero di Vila Formosa a San Paolo.

Quattro uomini prendono la cassa, la agganciano alla gru e la calano nella fossa, già pronta. In quella manciata di minuti, viene concesso ai parenti di scendere dall’auto per dare un estremo saluto. Quando la terra inizia a coprire il feretro, i familiari devono risalire in macchina e lasciare il posto al successivo carro funebre.

Brasile,  bomba ad orologeria

Brasile una «bomba a orologeria». Così l’ha definito l’Organizzazione mondiale della sanità, «fabbrica di varianti», minaccia per la salute mondiale. «Giorno dopo giorno, il Gigante del Sud supera tragicamente se stesso», denuncia Lucia Capuzzi su Avvenire. «Mercoledì, secondo solo agli Usa, oltre la soglia dei 300mila decessi, di cui centomila in meno di 11 settimane. Con una media doppia rispetto al 2020. E il virus continua ad accelerare, al ritmo di almeno 50mila contagi e 3.650 vittime solo ieri». Nei sette Stati confinanti si è registrato un incremento dei casi e molti hanno chiuso le frontiere.

Tristemente, solo l’ultimo record

«Con appena il 2,7 per cento della popolazione mondiale, il Brasile concentra l’11 per cento dei decessi globali. Là, dunque, il Covid uccide quattro volte di più rispetto al resto del pianeta. E nell’ultima settimana, ha accumulato il 25 per cento delle vittime mondiali. E buona parte ha meno di sessant’anni. La mortalità dei ricoverati fra 18 e 45 anni è addirittura triplicata da febbraio». Colpa, certo, della variante amazzonica, più aggressiva e letale, ma prima di quella e forse alla sua origine, l’irresponsabile negazionismo del presidente Bolsonaro.

Oms, «prendere la crisi più seriamente»

L’Agenzia Onu per la salute ha chiesto alle autorità brasiliane di «prendere la crisi più seriamente e di operare un allineamento di poteri per uscire dal tunnel». Il braccio di ferro tra i governatori degli Stati, favorevoli a lockdown e restrizioni, e Bolsonaro radicalmente contrario, va avanti dall’inizio della pandemia, alimentando il caos e i contagi. «Solo all’inizio della settimana, Bolsonaro ha creato una task force di consulenti scientifici l’emergenza. La decisione – arrivata con un anno di ritardo e 300mila morti di troppo gli è stata “estorta” dal Congresso, in piena rivolta».

Impeachment Bolsonaro come Trump

Perfino gli alleati si sono smarcati dal presidente. «Il capo della Camera, Arthur Lima – esponente della coalizione di centro-destra il cui sostegno è cruciale per l’esecutivo – non ha esitato ad agitare lo spettro dell’impeachment per convincerlo. Un’ipotesi non troppo remota: sono decine le richieste di messa in stato d’accusa presentate da opposizione, attivisti, società civile».

L’ex presidente Luiz Inácio Lula da Silva ha accusato Bolsonaro di essere il responsabile «del genocidio più grande della storia».

Irresponsabilità criminale

Tuttavia, quest’ultimo non sembra intenzionato a cambiamenti. Mercoledì, mentre il bollettino dei morti superava per la prima volta quota 3mila (senza però fermarsi i giorni dopo), il presidente difendeva in tv la propria strategia. E il neo-ministro della Sanità, Marcelo Queiroga – il quarto dall’inizio della crisi – ha ribadito il no alla quarantena nazionale. Nel frattempo, gli ospedali scoppiano.

A morte per mancate cure

«Tre Stati – Acre, Rondônia e Rio Grande do Sul – non hanno più un letto libero in terapia intensiva. In metà del Paese e in 19 capoluoghi su ventisei, queste ultime sono piene al 90 per cento. Anche chi trova posto, poi non sempre riceve ossigeno. E non scarseggia solo quest’ultimo: i farmaci rischiano di esaurirsi in due settimane».

L’indignazione Usa

Il New York Times ha parlato di «disastro annunciato del Brasile» mentre il Washigton Post ha raccolto le testimonianze dei medici di Florianopolis e Fortaleza costretti a scegliere quali pazienti salvare e quali lasciare morire. L’immunizzazione procede con estremo rilento. L’unico spiraglio è l’imminente avvio della sperimentazione clinica per il “vaccino brasiliano”, prodotto dall’Istituto Butantan. Il farmaco potrebbe essere disponibile già a luglio.

Con i numeri attuali, tuttavia, quattro mesi sembrano un tempo infinito. Il bilancio delle vittime destinato a peggiorare, e per la fine del 2021 potrebbe superare quello degli Stati Uniti malgrado il Paese abbia solo due terzi della popolazione americana.

Remocontro

Remocontro

Articolo precedente

Accordo strategico Cina Iran. Teheran allenta l’isolamento. Doppio messaggio agli Usa

Articolo successivo

Ritratto di assassino. Myanmar, golpisti crudeli militari senza onore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Remocontro