• 24 Giugno 2021

Della serie: sbagliando non si impara

Della serie: sbagliando non si impara

Giriamo a vuoto. Una stanchezza assoluta prende corpo, un sonno necessario della ragione, un lieve potente desiderio di un altrove. Di essere altrove. Come luogo, come tempo, come circostanze della vita che implicano lavoro, relazioni, progetti.

Ogni passo è una conquista faticosa. E ogni conquista, passo dopo passo, viene messa in discussione da tutto quello che ci svuota e ci riempie. Ci svuota di energie e di pensiero critico, ci riempie di certezze assolute per lo più vacue e di richiami costanti a lasciar perdere. A chiudersi in casa. A seguire pedissequamente quanto i competenti hanno pensato, quanto i governi hanno stabilito pensosamente, e i sorridenti demoni televisivi hanno comunicato. 

Possiamo anche drogarci, perdere lavoro, non trovarne mai uno, morire di stenti, non aver un letto, deprimerci. Ma decorosamente eh, senza mai alzare la testa. Qualche volta la voce si può alzare, però in coro. Se a bocca chiusa, è meglio. Se è in collegamento in una delle orride arene mediatiche meglio ancora. Blaterare per sfogarsi.

L’agire, con tutto quello che compete al fare del pensiero un’azione, all’approfondimento e all’intuizione, è roba del passato. Come la destra e la sinistra, il fascismo e l’antifascismo, il teatro, la poesia, l’idrolitina, le sezioni di partito, i collettivi, il bene comune. 

Il virtuale amplifica e rende facile il non agire. Con tutto quello che compete all’inazione, cioè il non pensare, il non fare, il non approfondire, il conformismo e il realismo schiacciato sui media. Qualcosa che fa movimento e chiasso, ma non smuove; tiene impegnati ma non serve a nient’altro. 

Sirene del presente. Suadenti e impegnate nel vanificare. Nell’organizzare meravigliosi giri di giostra, cavalcando cavalli possenti e carrozze incantate al suono di magnifiche musiche di sottofondo. Per poi scendere dalla giostra convinti di aver cambiato il mondo sul bianco destriero. Mentre le idee che dovevano renderci migliori, e rendere migliore il mondo, naufragano nel mare dell’indifferenza.

Questo è l’orizzonte. E ci spinge a mettere fine a ogni ipotesi che non sia considerata dagli alieni di successo dei media, intellettuali della bandiera bianca (la nostra) a sventolare felice. 

Eppure, mortificati dalle ingiustizie globali, umiliati da un’informazione di guerra, sconfitti ripetutamente sul campo di battaglia della giustizia sociale, dell’ecologia usata come grimaldello per devastare i territori e disboscare le montagne, non riusciamo ad arrenderci. È come un virus la sovversione e noi poveri cristi non conosciamo l’antivirus. 

È tutto chiaro, lo vedo, lo percepisco e comprendo le ragioni buonissime della resa incondizionata, ma per qualche arcaico meccanismo anarchico, non è possibile.  Meglio la fatica del passo dopo passo. Del pensiero che si fa azione. Della solitudine e del girare a vuoto, del recuperare i frammenti di senso in una società che sta disperdendo i propri valori, la bellezza e la poesia del vivere, l’abitare comunitario semplice. Il lentius, profundius e suavius in un agire politico che tanto sarebbe utile per cambiare verso.  

Ps. Riflessioni in tempi di pandemia, applicabili anche alle epiche sconfitte degli anni passati. Sante, magnifiche sconfitte che ci rendono esseri umani 

Antonio Cipriani

Antonio Cipriani

Giornalista con una vocazione per il lato oscuro delle storie ufficiali, dopo una lunga esperienza all’Unità ha studiato e realizzato progetti editoriali che avessero al centro la democrazia dell’informazione. Ha partecipato alla costruzione di E Polis, di DNews e di Globalist syndication. Stagione professionale chiusa, si sta dedicando a nuovi idee. Dopo aver contribuito all’invenzione del progetto editoriale-artistico Emergenze, il cui collettivo ha dato vita all’Edicola 518, ha realizzato la rivista artistica e rurale Magnifica Terra e ha fondato Vald’O, la vineria letteraria a San Quirico d’Orcia. Crede nel giornalismo di strada e nei progetti territoriali, culturali, artistici e narrativi, soprattutto con giovanissimi e pensionati.

Articolo precedente

Italia in Africa pensando ai caduti di ieri: non solo memorie coloniali e tragedie

Articolo successivo

I racconti meravigliosi: streghe folletti fantasmi e lupi mannari

1 Commento

    Avatar
  • Cipriani sempre acuto e giusto nelle sue considerazioni.Che piacere leggerlo! comunque è sempre un piacere per me che vivo all’estero di prima mattina aprire l’ipad e « gettarmi »sugli articoli di remo contro.Bravi tutti e tenete duro malgrado le difficoltà. Domanda indiscreta : dove trovate i soldi per funzionare? Se necessario un contributo fatelo sapere.buona giornata

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Remocontro