• 4 Agosto 2020

Lo strano silenzio che circonda la missione militare italiana nel Sahel

Il 16 luglio il nostro parlamento ha deciso l’invio di un contingente militare nel Sahel, uno dei territori più interessati dalla lotta globale al terrorismo jihadista. E questa desertica regione dell’Africa occidentale, fino a ieri fuori dalle attenzioni della politica estera italiana -spiega Andrea de Georgio su Internazionale-, «sta assumendo un peso sempre più importante nella strategia geopolitica di Roma».

Ma perché nessuno ne parla?

Grande attenzione sull’impegno nel conflitto libico, rifiuto ormai totale per la missione afghana e dubbi  crescenti sui Balcani, ma il nuovo dispiegamento di forze militari italiane «in un contesto complesso, rischioso e dispendioso come il Sahel centrale (Mali, Niger e Burkina Faso) è, invece, quasi passato sotto silenzio», l’opportuna sottolineatura su Internazionale. Più che strano, il silenzio stampa e l’assenza di ‘trombettieri’ embedded al seguito.

Missione Takuba quasi clandestina

A differenza delle altre missioni estere italiane, sulla task force Takuba a comando francese, nostre truppe e i reparti speciali di altri paesi europei nel Sahel centrale, sono trapelate poche informazioni. Tanto da suscitare qualche legittimo sospetto.

Pochi dati e solo geografia

«Del futuro impegno militare italiano in Mali al momento si conosce l’entità (duecento soldati delle forze speciali, venti mezzi terrestri e otto elicotteri), la base (Ansongo, sperduta località del nord Mali), il raggio d’azione (il feudo jihadista del Liptako-Gourma, la cosiddetta zona “delle tre frontiere” a cavallo fra Mali, Niger e Burkina, dove regnano gruppi legati ad Al Qaeda e allo Stato Islamico) e l’onere finanziario (quasi 16 milioni di euro per il solo 2020)», la sintesi di Andrea de Georgio.

Obiettivo politico-militare, zero

«Troppe, invece, le domande che restano senza risposta, come per esempio: quando sarà operativa la forza Takuba e per quanto tempo resterà impiegata? Quali compiti avranno le forze speciali italiane schierate al fianco dei francesi e degli eserciti locali? Quali sono, nello specifico, gli “interessi strategici nazionali” italiani (continuamente evocati nei discorsi politici) che andremo a difendere nel Sahel?». Se qualcheduno lo sa, ci aiuti e scriva a Remocontro.

Chi ce la racconta e come vuole

Versioni discordanti già dall’inizio. Inizio tecnico e durata effettiva della task force Takuba, tanto per cominciare, ma anche i possibili scenari appaiono discordanti. «Al summit del G5-Sahel (altra creatura politico-militare voluta da Parigi che raggruppa circa cinquemila soldati di Mauritania, Mali, Niger, Burkina Faso e Ciad) di fine giugno a Nouakchott, in Mauritania, il presidente francese Emmanuel Macron ha parlato di un dispiegamento iniziale “già nelle prossime settimane che dovrà durare almeno tre anni”».

Tre anni francesi come si contano in italiano?

La maggior parte dei partner europei, Italia compresa, resta vaga sui tempi di dislocamento delle truppe optando per un impegno formale (e finanziario) fino alla fine del 2020, da rinnovare su base annuale. Ma questo non vuol dire nulla perché, anno dopo anno, in Afghanistan e Balcani celebri il decennale e rischi le nozze d’argento.

Il via alla stagione delle piogge

Partenza dopo la fine della stagione delle piogge nel Sahel (settembre-ottobre) per la fase d’apertura e, nella migliore delle ipotesi, il primo o secondo trimestre del 2021 per la piena operatività, sempre Internazionale.

Ispi, ‘dimensione scivolosa

Tempistiche incerte “dimensione scivolosa”, scrive Camillo Casola, analista ISPI, anche dalla scarsa chiarezza sulle regole d’ingaggio. «Nel decreto missioni si parla di addestramento, formazione e assistenza alle élite militari africane ma non viene esplicitato fino a che punto sarà, sul campo, una presenza operativa». Nei comunicati di Parigi è scritto «accompagnare, assistere e consigliare le forze locali», ma senza spiegare se si tratterà di cooperazione d’intelligence, assistenza e preparazione delle azioni, dalle retrovie, oppure di una presenza attiva durante le operazioni di controterrorismo».

Andiamo a sparare o solo insegnare a sparare?

Qualcuno alla Difesa, parte politica e/o militare descrivendo i fatti in un certo modo, deve pensare che parlamento e giornalisti siamo tutti una massa di ‘sprovveduti’, per non dirla con parola più chiara e rude.

Se nobn sono matti loro, l’equivoco cercato a nascondere cosa? I dubbi dell’esperto ISPI riguardano anche i pericoli a cui verrà esposto il contingente italiano, ricordando che solo il 24 luglio è stato ucciso il 43esimo soldato francese in Mali. «Un conflitto stratificato che nel solo 2019 ha causato secondo le stime dell’Onu oltre quattromila morti, con un aumento del 25 per cento degli attacchi rispetto all’anno precedente».

Le pressioni della Francia

In Mali crisi politica interna e insurrezione contro il presidente Ibrahim Boubacar Keita. Uno dei regimi ‘discutibili”, accusate di gravi violazioni dei diritti umani contro i civili che favoriscono il reclutamento dei gruppi jihadisti. Un ginepraio in cui l’Italia rischia di finire impantanata.

Takuba, spada tribale contro chi?

Takuba o takouba è una spada tradizionale usata da diverse popolazioni della regione, tuareg, peul, sonrai o haussa per difendere il proprio onore. Vocazione bellica da Francia coloniale. Ma noi cosa ci facciamo da quelle parti? Macron, preoccupato dal prossimo ritiro americano dalla regione, cerca di “condividere il fardello”, cioè i costi, materiali e umani della guerra al terrorismo in Africa occidentale.
Oltre all’Italia, Regno Unito, Paesi Bassi, Belgio, Portogallo, Grecia, Estonia, Repubblica Ceca, Svezia, Norvegia e Danimarca. Germania e Spagna non invieranno truppe a Takuba, limitando la loro presenza in altre istituzioni multilaterali.

Francia armata

Accusato di coprire interessi neocoloniali, l’esercito francese è presente dalla Mauritania al Ciad con basi, mezzi, droni armati e 5.100 uomini della missione Barkhane, in corso dal 2014.

Sentimento antifrancese a spargere

Sentimento antifrancese di memoria coloniale  che rischia di essere ereditato dal nostro futuro contingente nella regione, avverte Casola. Che poi affronta l’altro tabù dei potenziali contratti di cooperazione militare e sbocchi commerciali per l’industria bellica italiana, ventilati da Macron a Conte durante il vertice Italia-Francia di febbraio a Napoli.

Industria armiera e ambasciate al seguito

Dal 2017 ad oggi accordi militari bilaterali dell’Italia con Niger, Burkina Faso e Ciad «ed è attivamente interessata allo sfruttamento delle ricchezze del sottosuolo del Sahel», precisa Internazionale. Non è quindi un caso che Roma negli ultimi due anni abbia aperto tre ambasciate nella zona (in Guinea, Niger e Burkina Faso) e che a breve, la quarta sarà proprio in Mali. «Annunciata in calce alla partecipazione alla task force Takuba».

Remocontro

Remocontro

Articolo precedente

Spy story dell’estate: un iraniano che spia in Albania, rispedito in Italia da dove era partito

Articolo successivo

Serie tv ‘House of Cards-Gli intrighi del potere’, per capire il pasticcio elettorale delle mosse di Trump

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!