• 26 Febbraio 2020

Damasco rivuole Idlib e l’alleanza Erdogan-Putin vacilla

L’alleanza Erdogan-Putin si arena a Idlib

  • Le truppe di Damasco a soli 10 chilometri dalla città di Idlib, nel nord della Siria ancora controllato dall’opposizione islamista appoggiata dalla Turchia. E tra Putin e Erdogan l’intesa vacilla. Ankara minaccia: «Se i nostri militari subiranno danni colpiremo le forze del regime siriano». Mosca avverte: «Non avete neutralizzato i terroristi. Bisogna rispettare gli accordi»
  • «I molti soldati turchi uccisi negli ultimi giorni dalle forze governative di Assad sostenute da Mosca e per Erdogan è ferita aperta e danno politico interno rilevante», scrive da Istanbul Marco Ansaldo su Repubblica. Ed ecco la minaccia di reazioni durissime contro Damasco, peccato che in mezzo, tra Ankara e Damasco –nuova geografia mediorientale- ci sia Mosca.
  • Ma il presidente siriano Bashar al Assad è deciso a riprendere il controllo del suo territorio nazionale, e soprattutto di quell’area ancora nella mani di una opposizione armata islamista filo-Erdogan. Ankara e le sue truppe di occupazione in Siria bersaglio, che ora risponde sul fronte militare colpendo decine di postazioni siriane e avvertire contemporaneamente Mosca.

Mosca questa volta tira dritto

Ancora una volta l’irascibile Erdogan. «A Idlib il regime, le forze russe e i militanti sostenuti dall’Iran stanno attaccando la popolazione civile», ha accusato ieri il presidente Turco. E poi la minaccia. «Se anche un solo soldato turco a Idlib sarà ancora ferito spareremo dappertutto, senza essere vincolati dai confini del memorandum di Sochi». Ma i soldati turchi non solo vengono feriti, ma anche uccisi. Ed ecco che martedì, vicino Neirab, gli islamisti hanno abbattuto un Mi17 siriano di fabbricazione russa. «Il sistema di difesa, dicono fonti a Middle East Eye, lo avrebbe fornito la Turchia», precisa Yurii Colombo da Mosca.

Ex Isis sotto traccia ricompare Al Qaeda

Turchia bersaglio e soldati uccisi anche per colpa dei raid aerei russi? Una ricostruzione rigettata dal quartier generale russo siriano, che rilancia con peggiori accuse: più di 150 civili sono morti in Siria a gennaio a seguito dei bombardamenti del gruppo Hayat Tahrir al-Sham (l’ex al-Nusra, la al Qaeda siriana). Non detto ma sottinteso, integralisti islamisti favoriti e spesso coperti se non armati dalla Turchia. «In questo quadro le azioni delle truppe siriane nella provincia di Idlib sono una risposta alle continue provocazioni dei terroristi», afferma la nota militar diplomatica russo siriana congiunta con destinatari anche in casa Nato.

L’irritazione del Cremlino

Dmitry Peskov, in nome e per conto di Putin: «La Turchia si era impegnata a neutralizzare i terroristi, questi continuano ad attaccare le truppe siriane e le strutture militari russe, è inaccettabile». Ancora più severa la numero 2 del ministero degli esteri, Marya Zacharova: «Le ragioni del degrado che osserviamo in questi giorni sono dovute alla cronica incapacità della Turchia ad adempiere ai suoi obblighi del memorandum di Sochi del 2018 e del trasferimento da parte di Ankara delle unità controllate della cosiddetta opposizione moderata armata nel nord-est della Siria». Poco dopo il sito della presidenza russa la notizia di una telefonata tra Putin e Erdogan in cui si parla genericamente «di lavorare alla pace».

Erdogan e Putin, interessi in campo

Solo qualche settimana fa, Putin ed Erdogan difendevano il progetto comune Turkish Stream dagli attacchi di Trump e speravano di trovare il bandolo della matassa della pace in Libia sotto la loro egida. Ma gli umori strategici del leader turco sono variabili, più alla Trump che alla Putin, e i morti turchi -azzardo militare- non aiutano. A cercare di calmare le acque (agitate questa volta anche dalla parti del Cremlino),« ci proverà una delegazione turca con 4 generali volerà presto a Mosca -annuncia Marco Ansaldo-, ricambiando la visita di una delegazione russa ad Ankara».

La quasi guerra tra Siria e Turchia

«Nella provincia di Idlib, Assad sta consolidando il controllo del centro di Saraqib con il sostegno di Mosca e Teheran. Ankara ha inviato rinforzi verso i 12 check point che gestisce nella zona, con 9.000 militari impegnati». Ed è Putin di persona ad essere chiamato in campo ad evitare lo scontro diretto. Erdogan che vuole ottenere la garanzia che i suoi soldati possano continuare a pattugliare le province di Afrin e Jarabulus. L’intento di Ankara è di evitare che le due zone, sottratte negli ultimi anni all’Isis e ai guerriglieri curdi, terminino in mani siriane una volta che Assad abbia preso il controllo di Idlib, dimenticando che si tratta di territori siriani e non turchi.

rem

rem

Read Previous

Paura di futuro, Italia senza figli, 116 mila in meno in un anno

Read Next

Italia-Libia, i segreti dei fondi a Tripoli. La bozza integrale da Avvenire