• 19 Febbraio 2020

Il clima, la terra, la fame nel mondo

Rapporto Cesvi

Rapporto Cesvi. Cambiamento climatico e fame nel mondo. Due questioni sempre più interconnesse e sulle quali servono investimenti economici di ampia portata perché di tempo ne è rimasto poco. Secondo l’ultimo rapporto, “La sfida della fame e del cambiamento climatico”, presentato il 15 ottobre a Milano dall’organizzazione umanitaria italiana Cesvi, proprio alla vigilia della giornata mondiale dell’alimentazione, la mancanza di cibo sul pianeta è calata del 31% ciò nonostante servono urgentemente almeno 70 miiardi per debellare il problema entro il 2030.

La fame ricomincia a crescere

A mettere in evidenza l’enormità del problema è l’elaborazione dell’indice globale della fame (Global Hunger Index – GHI), sebbene la scala di valori mostri come si sia passati da una situazione grave, registrata nell’anno 2000, a una moderata, la percentuale di popolazione che non ha ancora accesso ad una quantità di calorie sufficiente ad un adeguato sviluppo è rimasta ferma al 2015. Anzi il numero di persone che soffrono la fame ha ricominciato a salire ed è ora di 822milioni contro il 795 di quattro anni fa.

I progressi dunque sono veramente troppo lenti per raggiungere l’obiettivo di “fame zero”. A subire le maggiori conseguenze sono i bambini, 149milioni rimangono attualmente vittime di un arresto della crescita a causa della malnutrizione. Le zone del mondo più colpite si concentrano tra l’Asia meridionale e il sud del Sahara. Le aree dove la fame è un problema costante sono la Repubblica Centroafricana, Ciad, Madagascar, Yemen e Zambia. L’indice GHI dice anche molto su cosa succede ad Haiti e Niger, dove il livello viene definito gravissimo a causa dei cambiamenti climatici.

I cambiamenti climatici generano affamati

Da eventi metreologici devastanti alla desertificazione di interi territori, gli effetti nefasti sulla sicurezza alimentare, la biodiversità e le risorse idriche sono tangibili. La produzione agricola è la prima attività fondamentale che muore con conseguenze su larga scala. E’ stato calcolato che senza misure adeguate le rese mondiali dei raccolti scenderanno del 2% ogni decennio da ora in avanti. Tensioni, diseguaglianze ed emigrazioni potrebbero diventare la norma.

Dal punto di vista economico i costi della denutrizione sono allarmanti: più dell’11% dell’intero Pil di Africa e Asia. Il rapporto del Cesvi dunque indica negli investimenti un volano che genera ritorni elevati. Per ogni euro messo sul piatto se ne generano almeno altri 16.

Alessandro Fioroni

Alessandro Fioroni

Read Previous

Catalogna, proteste e repressione, e il socialista Sánchez cerca la destra

Read Next

Esercito siriano a Kobane, Erdogan e Trump gara di boria e muscoli