Privacy Policy
domenica 22 Settembre 2019

Ucraina, ‘illusioni perdute’ ma ora qualche speranza reale in più

Dietro lo scambio di prigionieri tra Mosca e Kiev il primo passo verso una trattativa per mettere fine al conflitto. Ma anche la frustrazione di un’ Ucraina che ha capito di esser stata usata da Europa e Stati Uniti.

Storia litiga con ‘destra’ e ‘sinistra’

L’analisi è di Gian Micalessin, storico inviato di guerra del Giornale, quindi reporter di politica estera letta da una solida cultura di destra. Il giornale-blog che lo rilancia è Sputnik, che già dal nome lo sai russo, e basta leggere qualcosa per capire che non è sovietico ma è ‘destra putiniana’ con amicizie italiane decisamente schierate sulla Lega. Nulla di vicino a Remocontro, per dirla morbidamente, ma su alcune analisi la lettura dei fatti sembra davvero interessante, su cui vale la pena riferire. Sopratutto se si parla di Ucraina dove certe formazioni neonaziste di Kiev hanno fatto la guerra anche contro mercenari neofasciti persino italiani. Una estrema destra lacerata da ‘opposti sovranismi’, analizzata senza preconcetti.

Scambio di prigionieri verso la pace

«Non è ancora la pace, ma è un primo passo per raggiungerla. Lo scambio di 70 prigionieri – 35 russi e 35 ucraini – arrivato a compimento sabato dopo una serie di colloqui tra il Cremlino e il presidente ucraino Vladimir Zelensky è il segnale di un possibile, imminente negoziato per mettere fine ad una guerra del Donbass costata oltre 14mila vite in cinque anni». Ottimismo condiviso anche in precedenza da Remocontro rispetto al neo presidente ucraino Zelensky che da ex comico, fa tutt’altro che cose da ridere. Passaggio chiave la visita a metà agosto di Putin in Francia da Macron. a metà agosto quando Vladimir Putin era volato in Francia per incontrare Emmanuel Macron. Non solo pre ‘G7’, ma messaggi ufficiosi sull’Ucraina.

Kiev e il fallimento europeo

Sempre Micalessin, «Il dietro front ucraino rappresenta lo specchio del fallimento europeo e delle false speranze vendute all’Ucraina nel 2014. Un’Ucraina che in questi anni ha dovuto far i conti non solo con la rivolta del Donbass, ma anche con la fine delle illusioni alimentate da un’Unione Europea pronta, nel 2014, a far balenare il miraggio di una pronta integrazione nell’economia di Bruxelles seguita dalla rinascita economica, dalla lotta alla corruzione e dalla fine dei privilegi degli oligarchi. Invece nessuna di quelle promesse è stata rispettata». Non a voler difendere Ue e l’uscente Mogherini assieme, ma va detto, per amore di verità, che i cinque anni di presidenza di Poroshenko hanno aiutato molti ucraini a capire l’inganno. In più, l’accesso di corsa all’Ue è favole nota,dalla Turchia alla Macedonia dell’altro ieri.

Specchietto per le allodole

«Accordo di associazione sventolato da Bruxelles nel 2014 per indurre Kiev a rompere con Mosca. Uno specchietto per le allodole che nascondeva i piani dell’amministrazione Obama per allontanare Kiev da Mosca, bloccare l’accesso della Russia al Mar Nero facendo saltare gli accordi per l’utilizzo dei porti della Crimea e arrivare all’integrazione dell’Ucraina nella Nato». Un lettura molto filo russa e molto anti americana (e qui in destra e sinistra classico fa a farsi benedire), ma di difficile contestazione. «Il ritorno della Crimea sotto la bandiera russa e la rivolta del Donbass hanno di fatto neutralizzato i piani di un’America che dopo l’arrivo di Donald Trump alla Casa Bianca ha perso interesse per la partita ucraina. Di conseguenza anche l’Unione Europea non si è più sentita in dovere di rispettare il pesante e costoso ruolo di tutore di Kiev».

Conti in tasca a Ucraina e Ue

L’Ucraina rompe anche commercialmente con la Russia ma si apre all’Europa. Mercato a perdere: 9 miliardi di dollari di deficit 2018 nel Paese dove gli stipendi restano i più bassi d’Europa e la corruzione imperversa. E a fine giugno dal Consiglio d’Europa reintegra la delegazione russa sospesa dopo la Crimea con Kiev che ha la certezza di essere stata quasi scaricata. Francia e Germania che dicono? «In base al cosiddetto ‘formato Normandia’, Parigi e Berlino hanno il compito di concordare con Mosca e Kiev l’applicazione di quegli accordi di Minsk del 2014, la piattaforma negoziale per soluzione del conflitto del Donbass». Questi i dati di fatto, ora le speranze. L’ambizione di Macron nel crepuscolo politico di Angela Merkel avrebbe fatto capire a Vladimir Putin che valeva la pena tentare. «Ora resta solo da capire se anche l’ex comico Zelensky fa sul serio».

AVEVAMO DETTO

Potrebbe piacerti anche