Privacy Policy
mercoledì 16 Ottobre 2019

Francia di ‘liberté-égalité-fraternité’ calpesta i diritti dei minori migranti

Un rapporto della Human Rights Watch denuncia le violazioni delle autorità di polizia francesi contro i migranti minori non accompagnati. Respingimenti illegali, procedure illegali per il riconoscimento della minore età, scarsa possibilità di accedere a strutture sanitarie, per non parlare di istruzione. Le accuse contenute nel documento riguardano anche il comportamento degli agenti nei confronti dei volontari che aiutano i migranti a passare il confine o che soccorrono chi è in difficoltà.

Peggio della peggiore Italia

Peggio della peggiore Italia che forse così non è mai stata. Respingimenti duri e illegali, mancanza di alloggi adeguati, procedure fuori dalla legge per il riconoscimento della minore età, scarsa possibilità di accedere a istruzione e strutture sanitarie. L’ultimo rapporto dell’organizzazione umanitaria Human Right Watch si è concentrato sulla situazione dei migranti minori non accompagnati al confine tra Italia e Francia.

Le violazioni dei diritti dei giovani immigrati, che spesso tentano il passaggio del confine su sentieri ghiacciati e senza equipaggiamento adeguato, sono numerose. Non a caso il rapporto prende in esame ciò che succede nelle regione delle Alte Alpi e si basa su diverse testimonianze (almeno una sessantina) di ragazzi tra i 15 e i 18 anni.

Un rapporto della Human Rights Watch scopre le violazioni compiute dalle autorità di polizia francesi nei confronti dei migranti minori non accompagnati. Respingimenti illegali, procedure illegali per il riconoscimento della minore età, scarsa possibilità di accedere a strutture sanitarie, per non parlare di istruzione. Le accuse contenute nel documento riguardano anche il comportamento degli agenti nei confronti dei volontari che aiutano i migranti a passare il confine o che soccorrono chi è in difficoltà.

Le violazioni dei gendarmi francesi

Sotto accusa le autorità francesi, colpevoli di procedure contrarie non solo al diritto transalpino ma anche internazionale per quanto riguarda la protezione dell’infanzia. Bènèdicte Jeannerod di HRW spiega: «interpellati dagli agenti di sicurezza dopo aver attraversato la montagna in condizioni estremamente difficili, durante il colloquio di valutazione i ragazzi vengono spesso accusati di mentire e ogni loro racconto viene strumentalizzato per non riconoscere arbitrariamente la loro minore età».

Un modo per sfuggire a contestazioni sulle violazioni dei diritti ma anche una ”abitudine” già denunciata lo scorso anno da ong di credibilità internazionale come Oxfam. In un altro rapporto infatti si raccontava della polizia che «ferma i bambini stranieri soli e li obbliga a salire su treni diretti in Italia dopo averne alterato i documenti per farli apparire più grandi o facendo risultare che solo loro che vogliano tornare». Bugiardi bastardi, per fare rima, e non lo dice Oxfam ma Remocontro.

False dichiarazioni e scarpe tagliate

Oxfam parlava chiaramente della registrazione dei minori fatti passare per maggiorenni, della falsificazione delle loro dichiarazioni, della detenzione senza cibo o coperte e senza la possibilità di parlare con un tutore legale. Più modello SS che Liberte, Egalitè, Fraternitè. Fecero scalpore anche le testimonianze riguardo furti delle Sim telefoniche e il taglio delle scarpe per impedire la prosecuzione del viaggio verso la Francia.

Ma le accuse riguardano anche il comportamento degli agenti nei confronti dei volontari che aiutano i migranti a passare il confine o che soccorrono chi è in difficoltà. Nonostante il riconoscimento del “principio di fratellanza” da parte della Corte costituzionale francese dopo il caso di Cedric Herrou (il contadino della Val Roya più volte sanzionato penalmente per la sua opera di solidarietà), nulla sembra essere cambiato.

Il rapporto di Human Rights Watch infatti attribuisce alla polizia francese atti «intimidatori per impedire le attività umanitarie». La ong ha spiegato cosa succede: «i loro veicoli vengono perquisiti abusivamente, subiscono controlli di identità non giustificati oppure finiscono in tribunale». Le conseguenze per i “solidali” possono essere pesanti. Chi aiuta i migranti ad entrare in territorio francese rischia fino a 5 anni di prigione e 30mila euro di sanzione pecuniaria.

Potrebbe piacerti anche