Privacy Policy La guerra segreta di Londra nello Yemen accanto ai ragazzi soldato -
martedì 10 Dicembre 2019

La guerra segreta di Londra nello Yemen accanto ai ragazzi soldato

Una rivelazione del Daily Mail a inizio aprile: lo Special Boat Service, le Forze speciali della Royal Navy britannica combattono da tempo nello Yemen al fianco delle truppe saudite e degli Emirati contro gli insorti sciti Houthi, combattendo con i bambini soldato accanto. Ora indagine Onu.

Truppe britanniche segretamente
nello Yemen con i ragazzi soldato

La guerra segreta di Londra nello Yemen accanto ai ragazzi soldato
Una rivelazione del Daily Mail a inizio aprile che due settimane dopo scopre un verminaio. Lo Special Boat Service, le Forze speciali della Royal Navy britannica combattono segretamente ma da tempo nello Yemen al fianco delle truppe saudite e degli Emirati Arabi contro gli insorti sciti Houthi. Opzione politica certop esecrabile per molti, ma la vera vergogna quando le Naioni Unite aprono una indagine sulla schieramento in campo da parte saudita ed accanto ai nostri super soldati , di bambini e ragazzi soldato.
Si sapeva, anche se non molto propagandato, di un ruolo diretto delle forze militari di Londra nel conflitto che dal 2015 vede gli anglo-americani appoggiare indirettamente (con informazioni d’intelligence, forniture militari e aerei da rifornimento in volo) la coalizione araba a guida saudita. Antico vizio coloniale senza impero emerso grazie alle rivelazioni del Daily Mail che ha riferito di 5 incursori della Marina feriti nei giorni scorsi durante degli scontri a fuoco con le milizie Houthi
in operazioni ‘coperte’ in genere sporche.

Operazioni coperte = sporche

Il Daily Mail specificava che i cinque sarebbero stati feriti durante una battaglia a Sa’dah, nel nord dello Yemen, dove operano una trentina di militari delle forze speciali di Sua Maestà. Campagna militare tenuta segreta dal governo britannico e che coinvolgerebbe solo le forze speciali in operazioni appunto ‘coperte’. SBS assieme Special Air Service del British Army, attualmente impiegati ‘a basso profilo mediatico’ (segreto se ti riesce) in Siria, Libia e nello Yemen a supporto degli imvarazzati alleati sauditi.
Ma, notizia di oggi ‘Wednesday, Apr 17th 2019’ «UN launches investigation after Mail on Sunday exposé reveals British Special Forces are fighting on same side as child soldiers in Yemen civil war». L’Onu avvia un’indagine sulle forze speciali britanniche stanno combattendo dalla stessa parte dei bambini soldato nella guerra civile dello Yemen. Molto organizzazioni umanitarie denunciano che i bambini yemeniti di 13 anni sono considerati abbastanza vecchi per combattere con i sodati adulti e professionisti assoldati.

Ora The Mail on Sunday

Il reportage del Daily Mail aveva già scatenato interrogativi polemici ai Comuni sulla complicità della Gran Bretagna nel suo sostegno all’Arabia Saudita, a smentire le affermazioni del governo secondo cui il Regno Unito “non è parte della guerra”. Ora il reportage sulle forze speciali ferite mentre combattevano dalla stessa parte dei bambini soldato nello Yemen. «In seguito al nostro articolo abbiamo ricevuto una richiesta di informazioni da parte delle Nazioni Unite. Abbiamo accettato di trasmettere prove delle nostre fonti all’Onu.
Sempre il Daily Mail aveva rivelato che alcuni genieri della Royal Air Force mandati in Arabia Saudita per riparare aerei sarebbero scampati alla morte dopo che un drone teleguidato dai ribelli filo-iraniani alcuni mesi fa è stato fatto esplodere sulla base militare saudita di King Khalid, distruggendo due aerei Tornado presenti nella base per lavori di manutenzione. Il ministero della Difesa aveva sostenuto che nessun britannico era stato ferito in quell’occasione, ma nei giorni scorsi l’ex ministro Andrew Mitchell ha rinnovato la domanda.

Yemen, affari e vergogna

La guerra nello Yemen e il sostegno alla campagna militare araba guidata da Riad continua a essere una ‘spina nel fianco’ per gli europei. Dopo mesi di acceso ma semiclandestino dibattito, nei giorni scorsi è stato raggiunto un compromesso a Berlino sull’export delle armi all’Arabia Saudita. Il divieto all’esportazione di sistemi di difesa sarà prolungato di 6 mesi e sono state fissate le condizioni per proseguire la partecipazione tedesca a programmi militari con i partner europei, ersempio le bombe costruire in Sardegna.
Niente nuovi contratti con i sauditi fino al 30 settembre ma concludere i progetti europei a condizione -ipocrisia + presa per il sedere- «che i prodotti della difesa non vengano usati nella guerra in Yemen». Gran Bretagna e Francia scontente, ognuna con una volpe sotto l’ascella e qualche affare in corso. I cacciabombardieri Typhoon prodotti dal consorzio italo-anglo-tedesco-spagnolo Eurofighter che Londra cerca di vendere ai sauditi anche nell’ultima versione. E i ‘nein’ di Berlino minacciano l’intero lucroso affare.

 

AVEVAMO DETTO

Yemen, migliaia di ragazzi-soldato reclutati con l’inganno

Potrebbe piacerti anche