domenica 18 Agosto 2019

Allarme Usa: ‘interferenze elettorali da Mosca’. Il pulpito e la predica

«I finanziamenti e le campagne online per favorire gli interessi russi, sono una seria preoccupazione per le Europee». Secondo gli analisti il Cremlino sta agendo per destabilizzare i Paesi dell’Unione europea e i suoi alleati occidentali.
Timori comprensibili, pasticcio politico italiano, ma anche il famoso ‘da che pulpito viene la predica’.

Interferenze elettorali
Washington contro Mosca
ma è la gara di sempre

Allarme Usa: ‘interferenze elettorali da Mosca’
«Non bisogna permettere alla Russia di approfittarsi del processo democratico italiano», scrive la Casa Bianca al governo di Roma in occasione del vertice per i 70 anni della Nato, ma soprattutto del voto europeo di maggio, e Paolo Mastrolilli da New York riferisce su La Stampa. Noi da casa, bersaglio della ‘disinformazia’ post sovietica di piglio sovranista attuale, possiamo soltanto sorridere pensando alle ere democristiane e dintorni politici e del ruolo americano nelle scelte politiche italiane del non lontano passato quando a Mosca c’erano dei cattivi ancora più cattivi, e il mondo occidentale andava salvato dalla minacciosa marea rossa. Ora cambiano colori e tecniche, più verso il bruno e il nero, ma non la musica dei ‘pifferai magici’ a cercare di farci fare la parte dei topi al seguito.

Politica di memoria corta

Il portavoce del Consiglio per la Sicurezza Nazionale Usa, Garrett Marquis, la spara grossa: «Gli Stati Uniti contano sull’Italia come uno dei loro alleati più forti, e mantengono aperte le comunicazioni con un ampio raggio di parti interessate nell’esecutivo». Solo ‘parti interessate’ del nostro esecutivo, col distinguo tra buoni e cattivi all’interno con cui ‘mantenere la comunicazioni’? Lega o M5S? E se l’amico di uno è anche amico segreto dell’altro, che poi è Putin? Pasticcione Marquis, più chiaro invece John Bolton, forcaiolo serio e principale consigliere di politica estera del presidente Trump, che aggiunge: «Noi vediamo che la Russia si sta creando spazi all’interno del panorama politico italiano, e incoraggiamo fortemente Roma a prendere con serietà queste attività».

La sede del GRU, i servizi segreti militari russi a Mosca

Confusione italiana Usa smarriti

Ma con chi ce l’hanno veramente? Cinquestelle troppo cinesi o Lega troppo Putin? «Mosca sta cercando di approfittarsi delle preoccupazioni del popolo italiano e amplificare le sue delusioni, ad esempio esagerando gli effetti sulla vostra economia domestica delle sanzioni dell’Unione Europea contro la Russia», ritorna Marquis. In altre parole, «Attenzione a quello che verrà detto in campagna elettorale perché potrebbe fare il gioco di Mosca, interessata da anni a destabilizzare l’Occidente e le sue alleanze». Depistaggi già in corso: «I finanziamenti russi, le campagne di influenza online, e altre interferenza finalizzate a promuovere gli interessi politici di Mosca, sono una seria preoccupazione, in vista della campagna per le elezioni europee. Ciò è vero non solo per l’Italia, ma per l’intera Europa».

Destra politica, più Trump o Putin?

Per gli americani la minaccia è chiara. «Noi vediamo sforzi concertati per cercare di dividere l’Unione Europea, esacerbare lo scontento pubblico, e fratturare il panorama partitico tra i Paesi membri». Abbastanza vero, se mettiamo nel conto il Gruppo di Visegrad, l’Ungheria di Orban, la Polonia bigotta ultra conservatrice di Katzinsky. Il problema è che parliamo anche dell’ala dura del fronte Nato. Un po’ di confusione politica sotto il cielo. La Russia, a destra quanto vuoi, rimane un rivale dell’Occidente. Mosca e Pechino,nell’ultima ‘strategia nazionale’ della Casa Bianca, sono definite «potenze revisionistiche», impegnate a demolire il ruolo degli Stati Uniti nel mondo. Con Washington, avviso ai naviganti, che rileva sospetti su ‘partiti italiani’ (la Lega), ‘che avrebbero ricevuto aiuti economici dalla Russia’.

Potrebbe piacerti anche