martedì 16 luglio 2019

Cronache bizantine, storia rivisitata di Sinán Capudán Pasciá

«A sfurtûn-a a l’è ‘n belin / ch’ù xeua ‘ngiu au cû ciû vixín / e questa a l’è a ma stöia / e t’ä veuggiu cuntâ»
Sinán Capudán Pasciá, di Fabrizio De Andrè

Sinán Capudán Pasciá

La cronaca di oggi, più che bizantina è una curiosità ottomana. “Cronache bizantine”, anno 2006-2008, rimaste rigorosamente clandestine da allora. Oggi svelo la storia di un mio antico concittadino, il nobile genovese Scipione Cicala, nato, pare, nel 1552 ai tempi del grande ammiraglio Andrea Doria e morto, pare, qui (Istanbul) attorno nel 1605.
Suo padre, il visconte Cicala, sarebbe stato un corsaro al servizio della Spagna. Il visconte e suo figlio furono presi prigionieri dalla marina Ottomana durante la battaglia di Djerba e furono portati a İstanbul. Il padre, pagato il riscatto, fu liberato e visse per qualche tempo a Beyoğlu, Galata, lo stesso quartiere dove avevo, 2005-10, la sede della Corrispondenza Rai.

Scipione resta invece nelle mani del Sultano, costretto prima all’abiura dal cristianesimo, poi a farsi Giannizzero.
Grande combattente, Scipione che nel frattempo diventa Cağaloğlu Sinan Kapudan Paşa. Provo a spiegare: Cağal (Cicala) e oğlu “figlio di”. Il figlio di Cicala è anche Sinan, cioè “genovese” (dal nome ottomano di Genova, Sina, derivato direttamente da “Zena”.) Per questo noi genovesi, levantini di Galata e dintorni, ci teniamo molto alla nostra colonia a Costantinopoli e reagiamo a qualsiasi invasione.
Kapudan Pasà è il grado di Grande Ammiraglio della flotta ottomana che raggiunge Sinan, il genovese. Anzi, diventerà persino Gran Visir e Serraschiere del Sultano di Costantinopoli.

Il senso di questo mio racconto sta nella interpretazione artistica che  della vita di Sinán Capudán Pasciá ne dà quel poeta in musica di Fabrizio De Andrè. Il titolo è appunto “Sinán Capudán Pasciá”. Soltanto qualche strofa per farla corta. «Un po’ prima che la vecchiaia / mi pesti nel mortaio / e questa è la memoria / la memoria di Cicala / ma sui libri di storia / Sinán Capudán Pasciá». Ma è tanta poesia che alla fine ve la dovete sentire direttamente Fabrizio, anche se questa la canta in genovese antico su cui inciampo anch’io.
Poi una delicata lezione di vita che vi trasferisco in genovese data la delicatezza dell’argomentare: «A sfurtûn-a a l’è ‘n belin / ch’ù xeua ‘ngiu au cû ciû vixín / e questa a l’è a ma stöia / e t’ä veuggiu cuntâ».

De Andrè ci canta che la sfortuna è … «una minaccia» che ti insegue «alle spalle» e che devi cercare di girare sempre a tergo di qualcun altro. Torno alla attualità politico-giornalistica e mi faccio convinto che Sinàn Capudàn Pascià, riletto da quel poeta di De Andrè, aveva già capito la nostra modernità con 400 anni di anticipo.
Quando ne scrissi allora, la politica litigava sullo straripare televisivo del Popolo della Libertà berlusconiano che toglieva spazio a qualsiasi altro evento e dei momenti grami del Partito democratico. Sembra preistoria vero? Mica tanto se passi a uno Salvini straripante oggi rispetto all’inconsistenza di altri, con la costante di un partito democratico in attesa di qualcosa.

Da sempre, nella ormai storica rassicurazione di Renzi a Letta, ‘Stai sereno Enrico’, intravedo il ripetersi della lezione di Sinàn Capudàn Pascià: «A sfurtûn-a a l’è ‘n belin / ch’ù xeua ‘ngiu au cû ciû vixín». Forse il genovese Grillo potrebbe aiutare il campano Di Maio nella traduzione che potrebbe rivelarsi utile.
Anche qui in Turchia è tempo di battaglia politica (attorno al 2008, Raccontini datati, ricordate?). Elezioni amministrative di valore politico a misurare il consenso per l’attuale premier Erdoğan (allora premier, oggi Presidente), amico ed emulo, in salsa turca, del nostro Silvio Berlusconi. Erdoğan s’è preso una bella bastonata, meno 8 per cento, ma resta saldamente al governo. Grazie anche a stampa e televisioni schierate in battaglia, armi nelle mani di chi le possiede o le controlla.

Da Sinàn “Cağaloğlu” (figlio di Cicala) prende il nome persino un quartiere di Istanbul. Una sorta di Fleet Street, il quartiere della stampa turca. Cronisti tifosi, la maggior parte, in Turchia. E non mi pare uno loro esclusiva nazionale. Ultimo ammonimento da Sinàn il genovese, costretto a vivere dove si campava «bestemmiando Maometto al posto del Signore»: marchetta od opportunismo in qualsiasi lingua, è sempre bestemmia giornalistica.
Certo, Saxa Rubra è latino alto, storicamente intoccabile. Ma ad esempio, titolare la sede centrale Rai di Viale Mazzini 14 a ‘Cağaloğlu Sinan Kapudan Paşa’? Musica e testo di Fabrizio De Andrè, ovviamente.

PROTESTE RIPETUTE NON SOLO DAI NON GENOVESI
PER IL TESTO E LA ESSENZIALE TRADUZIONE

Sinàn Capudàn Pascià
di Fabrizio De Andrè

Teste fascië ‘nscià galéa
ë sciabbre se zeugan a lûn-a
a mæ a l’è restà duv’a a l’éa
pe nu remenalu ä furtûn-a

Teste fasciate sulla galea
le sciabole si giocano la luna
la mia è rimasta dov’era
per non stuzzicare la fortuna

intu mezu du mä
gh’è ‘n pesciu tundu
che quandu u vedde ë brûtte
u va ‘nsciù fundu

in mezzo al mare
c’è un pesce tondo
che quando vede le brutte
va sul fondo

intu mezu du mä
gh’è ‘n pesciu palla
che quandu u vedde ë belle
u vegne a galla

in mezzo al mare
c’è un pesce palla
che quando vede le belle
viene a galla

E au postu d’i anni ch’ean dedexenueve
se sun piggiaë ë gambe e a mæ brasse neuve
d’allua a cansún l’à cantà u tambûu
e u lou s’è gangiou in travaggiu dûu

E al posto degli anni che erano diciannove
si sono presi le gambe e le mie braccia
da allora la canzone l’ha cantata il tamburo
e il lavoro è diventato fatica

vuga t’è da vugâ prexuné
e spuncia spuncia u remu fin au pë
vuga t’è da vugâ turtaiéu
e tia tia u remmu fin a u cheu

voga devi vogare prigioniero
e spingi spingi il remo fino al piede
voga devi vogare imbuto (= mangione)
e tira tira il remo fino al cuore

e questa a l’è a ma stöia
e t’ä veuggiu cuntâ
‘n po’ primma ch’à vegiàià
a me peste ‘ntu murtä

e questa è la mia storia
e te la voglio raccontare
un po’ prima che la vecchiaia
mi pesti nel mortaio

e questa a l’è a memöia
a memöia du Cigä
ma ‘nsci libbri de stöia
Sinán Capudán Pasciá

e questa è la memoria
la memoria del Cicala
ma sui libri di storia
Sinán Capudán Pasciá

E suttu u timun du gran cäru
c’u muru ‘nte ‘n broddu de fàru
‘na neutte ch’u freidu u te morde
u te giàscia u te spûa e u te remorde

e sotto il timone del gran carro
con la faccia in un brodo di farro
una notte che il freddo ti morde
ti mastica ti sputa e ti rimorde

e u Bey assettòu u pensa ä Mecca
e u vedde ë Urì ‘nsce ‘na secca
ghe giu u timùn a lebecciu
sarvàndughe a vitta e u sciabeccu

e il Bey seduto pensa alla Mecca
e vede le Uri su una secca
gli giro il timone a libeccio
salvandogli la vita e lo sciabecco

amü me bell’amü
a sfurtûn-a a l’è ‘n grifun
ch’u gia ‘ngiu ä testa du belinun
amü me bell’amü

amore mio bell’amore
la sfortuna è un avvoltoio
che gira intorno alla testa dell’imbecille
amore mio bell’amore

a sfurtûn-a a l’è ‘n belin
ch’ù xeua ‘ngiu au cû ciû vixín
e questa a l’è a ma stöia
e t’ä veuggiu cuntâ

la sfortuna è un cazzo
che vola intorno al sedere più vicino
e questa è la mia storia
e te la voglio raccontare

‘n po’ primma ch’à a vegiàià
a me peste ‘ntu murtä
e questa a l’è a memöia
a memöia du Cigä
ma ‘nsci libbri de stöia
Sinán Capudán Pasciá.

un po’ prima che la vecchiaia
mi pesti nel mortaio
e questa è la memoria
la memoria di Cicala
ma sui libri di storia
Sinán Capudán Pasciá

E digghe a chi me ciamma rénegôu
che a tûtte ë ricchesse a l’argentu e l’öu
Sinán gh’a lasciòu de luxî au sü
giastemmandu Mumä au postu du Segnü

E digli a chi mi chiama rinnegato
che a tutte le ricchezze all’argento e all’oro
Sinán ha concesso di luccicare al sole
bestemmiando Maometto al posto del Signore

intu mezu du mä gh’è ‘n pesciu tundu
che quandu u vedde ë brûtte u va ‘nsciù fundu
intu mezu du mä gh’è ‘n pesciu palla
che quandu u vedde ë belle u vegne a galla

in mezzo al mare c’e un pesce tondo
che quando vede le brutte va sul fondo
in mezzo al mare c’è un pesce palla
che quando vede le belle viene a galla

Potrebbe piacerti anche