• 21 Febbraio 2020

Schiaffo del Senato a Trump: Siria Afghanistan e jihad, basta bugie

Sbruffone contaballe

Schiaffo del Senato a Trump: Siria Afghanistan e jihad, basta bugie
Potendo usare un linguaggio meno ritual istituzionale, così traduciamo il Senato americano, a maggioranza repubblicana, che dà l’aut aut alla Casa Bianca dal ritirare in maniera precipitosa le truppe Usa dalla Siria e dall’Afghanistan. Un vero e proprio schiaffo al presidente americano a alla vigilia del discorso sullo stato dell’Unione davanti al Congresso. Il provvedimento – che ora andrà alla Camera a maggioranza democratica – chiede che prima di iniziare qualunque ritiro deve essere “certificata” la sconfitta di Al Qaeda e Isis. Insomma, nessuno crede alla affermazioni di vittoria di Trump, a fanno bene (vedi il nostro Orteca ieri). Quella del presidente americano era stata una decisione comunicata a sorpresa e non condivisa. La mossa aveva spinto il segretario alla Difesa Jim Mattis a lasciare l’amministrazione.

Stato dell’Unione a rompere

Lo sforzo di usare il linguaggio dell’unità nazionale, ma non è nella sua natura. Ed ai temi che dividono ha aggiunto, a sorpresa, un duro attacco alle leggi sull’interruzione di gravidanza. Unica vera notizia, l’annuncio che il prossimo summit con Kim Jong Un sarà il 27 e 28 febbraio in Vietnam. Il presidente, di colpo limitato nei suoi poteri e spazi di manovra dalla maggioranza democratica alla Camera, ha più volte tentato il linguaggio dell’unità nazionale, ha evocato le grandi date della storia e i momenti più esaltanti del passato, per auspicare un clima di cooperazione con l’opposizione. Ma poi, duro sull’immigrazione, determinato più che mai a costruire il Muro al confine col Messico. Sul piano personale torna lo sbruffone sprezzante sulle inchieste giudiziarie che lo riguardano, che definisce “ridicole e faziose”.

Vanto economia (fin che dura)

Rivendicazione di un bilancio positivo per i primi due anni di presidenza sul fronte economico: “5,3 milioni di posti di lavoro creati, gli aumenti salariali più forti da un decennio, la disoccupazione ai minimi da mezzo secolo”. Il “miracolo economico, però, può essere fermato dalle guerre, o dalla politica, o dalle ridicole e faziose inchieste giudiziarie”. Chi colpisce lui, tocca direttamente il portafoglio di ogni americano, è ciò che cerca di far credere. Trump invoca lo spirito bipartisan ma dedica un terzo del discorso al muro col Messico. Da dove usciranno i 5,7 miliardi da lui richiesti? Nuovo shutdown o lo stato di emergenza per spostare fondi da altre voci del bilancio pubblico? Lo stato di emergenza verrebbe probabilmente impugnato da ricorsi alla Corte suprema.

Remocontro

Remocontro

Read Previous

Arabia saudita ed Emirati passavano armi Usa ad Al Qaeda

Read Next

Venezuela, fazioni contro, si potrà evitare il bagno di sangue?