Privacy Policy
mercoledì 23 Ottobre 2019

Ue sbirro e giudice decide sanzioni alla Russia per la spia Skripal

L’unione europea impone sanzioni sui vertici dell’intelligence militare russa, il Gru, considerati responsabili avvelenamento ex spia russa Skripal traditore in Gran Bretagna.
-Colpiti anche i tecnici di un centro di ricerca siriano accusato di operare sulle armi chimiche. Mosca si arrabbia

Versione asettica Ansa

Ue decide sanzioni alla Russia per la spia Skripal
L’Ue inaugura il nuovo regime di misure restrittive per contrastare l’uso e la proliferazione delle armi chimiche varato ad ottobre, col divieto di viaggi nell’Ue e il congelamento dei beni, contro 4 russi, 5 siriani, e un’entità. In particolare sono stati colpiti il capo ed il vice e due agenti dell’intelligence militare russa (Gru) “per possesso, trasporto, e uso di un agente tossico nervino a Salisbury”, nel caso dell’avvelenamento dell’ex spia Serghiei Skripal. Immediata la condanna di Mosca. Interpellato sulla questione il portavoce del Cremlino, Dmitri Peskov, ha commentato, “La nostra reazione è negativa”.

Salisbury, accertamenti di polizia dopo l’uso di gas nervino

Per capirci qualcosa

L’Unione europea su pressioni britanniche ‘pre exit’, impone sanzioni sui vertici dell’intelligence russa militare ‘Gru’, considerati responsabili avvelenamento dell’ex spia russa Sergey Skripal, traditore in contro britannico rifugiato a Salisbury. Colpiti quattro alti ufficiali russi, compreso il capo dell’intelligence militare Gru, considerati responsabili dell’avvelenamento con un agente nervino dell’ex spia russa traditrice. L’Ue ha precisato che i russi, «Il capo e vice capo del Gru e due agenti, sono responsabili per il “possesso, trasporto e uso” dell’agente nervino utilizzato nell’attacco di Salisbury, avvenuto nel marzo scorso in Gran Bretagna contro Skripal, attribuito dalle autorità di Londra ai servizi segreti russi».  Quindi Londra sentenzia e Bruxelles esegue. Il Consiglio Ue ha deciso di congelare i loro beni negli Stati dell’Unione e di vietare loro di viaggiare nel blocco, ha annunciato Bruxelles in un comunicato.

Cos’è il GRU, spionaggio russo

Il ‘Glavnoe razvedyvatel’noe upravlenie’ (in cirillico: Главное разведывательное управление) o GRU, in italiano come Direttorato principale per l’informazione, è il servizio informazioni delle forze armate russe (fino al 1991, sovietiche) che, a differenza del KGB, sebbene svolga anche compiti di guardia di frontiera terrestre e marittima e abbia le uniformi dell’esercito, non dipende dallo stato maggiore delle forze armate (Stavka).
Il GRU è stato fondato nel 1918 da Lenin e divide i compiti tra tutte le varie intelligence. Nota la rivalità tra il GRU e l’allora KGB, paragonata impropriamente a quella tra FBI e CIA americane. Il GRU rimane oggi una parte molto importante dei servizi di intelligence della Federazione Russa, specialmente per il motivo che non si è mai diviso come invece ha fatto il KGB. Nella sua suddivisione in FSB e SVR (Servizio d’Intelligence Estero) il KGB si è drasticamente ridotto.

La versione russa di Sputnik

L’Unione Europea ha imposto sanzioni contro il direttore del GRU il suo vice e due funzionari a seguito del caso Skripal. Bruxelles sostiene che sono responsabili per “detenzione, trasporto e uso di un agente nervino tossico a Salisbury il 4 marzo 2018”. Inoltre le misure afflittive colpiscono un centro di ricerca in Siria ed i funzionari legati al funzionamento di questa struttura. Complessivamente la lista comprende 9 persone fisiche ed 1 società. Per il Cremlino, le accuse contro due cittadini russi per il caso Skripal sono infondate, dal momento che a Mosca non è stata presentata nessuna prova.
Lo scorso ottobre l’Unione Europea aveva approvato un nuovo meccanismo per l’adozione di sanzioni contro la proliferazione e l’uso di armi chimiche (ecco quindi la Siria e il caso Skripal). Sulla base del nuovo meccanismo le autorità europee potranno imporre sanzioni contro “persone fisiche ed organizzazioni coinvolte nello sviluppo e nell’uso di armi chimiche indipendentemente dal luogo dei fatti e dalla loro nazionalità”.
Nessuna notizia su chi abbia titolo a giudicare, sulla verifica delle accuse prima della sentenza, sul diritto alla difesa prima di decidere qualsiasi ‘condanna’ visto che ad essere colpiti non sono soltanto Stati, entità politiche, ma anche persone.

 

AVEVAMO DETTO

Turisti o agenti segreti russi? Troppe strane spie nel caso Skripal

Londra-Mosca, rissa a colpi di spia, ‘cyberwar’ e ‘canaglia Skripal’

Potrebbe piacerti anche