domenica 26 maggio 2019

Natale cosa? Barbone clandestino, feste comandate, le nuove liturgie

Notizie sotto l’albero. Natale cristiano, Natale del soldo, Natale pianeta, Natale politico, Natale da matti, Natale satira (ma non da ridere)

Natale Cosa?

Natale cristiano
L’omelia di Natale di papa Francesco contro egoismo e ingordigia: “Troppi non hanno il pane”.
Papa Francesco durante la messa di Natale in San Pietro.
Il pontefice in San Pietro critica la voracità consumistica: “Il bambino di Betlemme indica un nuovo modello di vita: non divorare e accaparrare, ma condividere e donare”.

Natale del soldo
Crollo di Wall Street per tensioni Fed: è la peggiore vigilia di Natale della storia: -2,91%
Soffre anche Amazon. Trump: “Problema nostra economia banca centrale”. Crollo a Tokyo: Nikkei perde oltre il 5%

Natale pianeta
Indonesia, salgono a 373 le vittime dello tsunami. Le autorità avvisano del rischio di nuove onde devastatrici. La drammatica situazione degli sfollati, più di 11mila.
Eruzione Etna, chiuso l’aeroporto di Catania. Pioggia di cenere dopo l’esplosione. In corso sciame sismico: 130 scosse.

Natale politico
Si chiama «manovra» perché presuppone un guidatore. E il Parlamento che dovrebbe rappresentare l’interesse generale. Ma c’è qualcuno che sa guidare? Cresce il fronte della protesta: Pd e sindacati confederali pronti a scendere in piazza.

Natale dei matti
Siria, Erdogan invita Trump in Turchia dopo l’annuncio del ritiro delle truppe Usa.
Trump ha fatto sapere di essere disponibile “a un potenziale incontro in futuro”. Il capo della Casa Bianca ha trascorso la vigilia di Natale con il suo team di lavoro sulla Corea del Nord: “Progressi compiuti in attesa del mio prossimo vertice con Kim”.

Natale satira (ma non da ridere)
Letterina di Luciana Litizzetto a Gesù Bambino: “Se non sai dove nascere, quest’anno segnati questo nome: Mimmo Lucano… lui sicuramente una sistemazione te la trova”. Adesso non più.

Richiamo di Francesco a Natale:
troppi senza pane, basta avidità,
superare ingordigia ed egoismi.

«L’uomo è diventato avido e vorace. Avere, riempirsi di cose pare a tanti il senso della vita. Un’insaziabile ingordigia attraversa la storia umana, fino ai paradossi di oggi, quando pochi banchettano lautamente e troppi non hanno pane per vivere».
La messa di ieri sera, con imponenti misure di sicurezza, ha aperto le celebrazioni natalizie in Vaticano. Oggi il Papa impartirà la tradizionale benedizione ‘Urbi et Orbi’, nel corso della quale sono da attendersi ancora messaggi a favore della solidarietà e della pace, a partire da quelle aree del pianeta ancora piagate dai conflitti.
Natale in Iraq invece per il Segretario di Stato Vaticano, il card. Pietro Parolin, che stanotte celebra la messa a Baghdad e che nei prossimi giorni si recherà anche ad Erbil e nella Piana di Ninive dove stanno faticosamente rientrando i cristiani che erano stati cacciati dall’Isis. Attese per il Patriarcato caldeo per un possibile viaggio di Papa Francesco in Iraq.
Saluti a sorpresa questo pomeriggio dal Papa agli uomini e le donne dell’esercito italiano. In un videomessaggio si è rivolto soprattutto a coloro che sono in servizio, lontani da casa.

Potrebbe piacerti anche