giovedì 18 luglio 2019

Populisti in abito talare: Bannon si infiltra nella Chiesa cattolica

Corso di leadership con lezioni di Steve Bannon al Dignitatis Humanae institute, istituto conservatore che ha come presidente onorario il cardinale Usa Raymond Leo Burke, a capo della cordata anti papa Bergoglio.

Steve Bannon dalla Casa Bianca al Vaticano

Populisti in abito talare: dalla Casa Bianca al Vaticano, e non con buone intenzioni. Steve Bannon, il suprematista bianco ultra destro ed ex stratega di Donald Trump fatto presidente, dopo la cacciata dalla Casa Bianca si sta dando da fare in Europa, progetto ‘The Movement, lega delle fazioni fascio-populiste nel continente, ma non solo. In via di organizzazione una fazione populista anche dentro la Chiesa Cattolica, avverte l’Huggington Post. L’ex stratega della Casa Bianca sta contribuendo infatti a elaborare il curriculum per un corso di leadership al Dignitatis Humanae institute, vicino a Roma, un istituto cattolico conservatore il cui ‘advisory board’ è presieduto dal cardinale Raymond Leo Burke.

Chiesa nazional pupulista

Burke ha riferito alla Reuters che Bannon giocherà un ruolo guida nell’istituto, di cui figura tra i sostenitori. Benjamin Harnwell, direttore dell’Istituto Dignitatis Humanae di Roma, spiega che Bannon starebbe collaborando alla creazione di corsi di formazione per giovani attivisti e leader politici conservatori di estrazione cattolica, per favorire la nascita di una corrente di pensiero populista e nazionalista all’interno della Chiesa di Roma che possa influenzare le politiche della Santa Sede. L’ex stratega di Trump aveva anticipato che dopo le elezioni Usa di midterm a novembre spenderà l’80%-90% del suo tempo in Europa per rafforzare la sua alleanza populista “The Movement”, creata per le prossime elezioni europee

Chi è il cardinale Burke

Raymond Leo Burke, 70 anni, originario di Richland Center nel Wisconsin. Molto vicino al mondo dei tradizionalisti cattolici, il cardinale Burke spesso ama celebrare la messa in latino, indossando guanti e piviale secondo l’antico rito che risale al Concilio di Trento. Benedetto XVI lo aveva chiamato nel 2008 a presiedere il Supremo Tribunale della Segnatura Apostolica, l’organo giudicante più alto in grado della Santa Sede. Nel 2014 papa Francesco ha sollevato Burke dal suo incarico e lo ha nominato Patrono del Sovrano Militare Ordine di Malta.
Nell’aprile di quest’anno, il cardinale messo da parte, alla vigilia di un importante convegno sul tema “Dove va la Chiesa” rilascia un dura intervista a La Nuova Bussola Quotidiana, notiziario cattolico online diretto da Vittorio Messori.

‘Papolatria’

Una quasi ‘scomunica’ al Papa per colpa di Eugenio Scalfari. «Quello che è successo con l’ultima intervista concessa ad Eugenio Scalfari durante la Settimana Santa e resa pubblica il Giovedì Santo è andato oltre il tollerabile. Che un noto ateo pretenda di annunciare una rivoluzione nell’insegnamento della Chiesa Cattolica, ritenendo di parlare nel nome del Papa, negando l’immortalità dell’anima umana e l’esistenza dell’Inferno, è stata fonte di profondo scandalo non solo per tanti cattolici ma anche per tanti laici che hanno rispetto per la Chiesa Cattolica ed i suoi insegnamenti, anche se non li condividono». Non fare la distinzione tra il corpo dell’uomo che è il Romano Pontefice e l’ufficio di san Pietro, ‘significa papolatria’.

Dignitatis Humanae Institute

“Dignitatis Humanae Institute”, viene descritta come una delle più potenti associazioni della Chiesa Cattolica, presieduta in modo ‘onorario’ dai Cardinali Martino e Burke, su posizioni fortemente critiche con Papa Francesco, e di cui è Presidente Luca Volontè, esponente UDC. La Fondazione ha tra i propri fondatori anche Rocco Buttiglione. Attenzione e presenza al Parlamento europeo con ‘gruppi di lavoro’ all’interno dei parlamenti nazionali di Lituania, Romania e Regno Unito,
Il DHI è stato etichettato dai suoi oppositori come una “organizzazione segreta di laici cattolici”, una sorta di massoneria cattolica che opera all’interno del Parlamento europeo”. Il gruppo ha legami con alcune delle fazioni più conservatrici all’interno della Chiesa cattolica. Nel 2014 l’Istituto ha invitato Steve Bannon come uno dei suoi oratori principali in una conferenza per discutere della povertà, durante la quale ha elogiato i partiti di estrema destra europei.

 

AVEVAMO DETTO

Vaticano-Usa dopo Steve Bannon, Ordine di Malta e ‘sedevacantisti’

Vaticano, assedio scandali sessuali e attacco a Papa Bergoglio

Potrebbe piacerti anche