• 27 Febbraio 2020

Via le bombe atomiche che abbiamo in casa

Tante minacce spesso inventate
ma tutte quelle atomiche in casa?

Via le bombe atomiche che non piacciono a nessuno. L’incubo dell’apocalisse definitiva nonostante vari dottor Stranamore teorizzano oggi l’uso di bombe atomiche ‘limitate’, un po’ più piccole, ‘tattiche’ le chiamano anche, facendo finta di non sapere che non esiste possibile garanzia di evitare l’escalation. Tu subisci l’attacco atomico tattico e, perso per perso, rispondi con le superbombe da fine del mondo.

Sempre follia Mad

‘Mutual assured destruction’, MAD come acronimo, follia come parola inglese. Follia contro il mondo. ‘Distruzione mutua assicurata’ la traduzione. L’ipotesi di una aggressione militare con uso di armi nucleari e la tesi finale, che ogni utilizzo di simili ordigni da parte di uno dei due opposti schieramenti finirebbe per determinare la distruzione sia dell’attaccante che dell’attaccato. Ora, il dubbio di una follia che va oltre Mad.

Amici Usa, no grazie

E i timori tornano forti fra la popolazione dei Paesi europei dove le bombe americane sono ospitate, dice il sondaggio commissionato dall’Ican, la Campagna internazionale per l’abolizione delle armi nucleari, organizzazione premiata l’anno scorso con il premio Nobel per la pace. Bando delle armi atomiche, chimiche, biologiche, mine antiuomo e cluster bombs. Dissenso degli europei anche contro le istituzioni che nelle armi investono, a partire dalle banche, il commento di Francesco Vignarca, coordinatore di Rete Disarmo.

Classifica del No atomico

E le opinioni pubbliche delle nazioni coinvolte non hanno dubbi: in Italia 65 intervistati su cento vorrebbero veder ritirate le bombe conservate nelle basi di Ghedi e Aviano (circa 90 mai ufficialmente dichiarate), in Germania a voler espellere gli ordigni sono 70 su cento, in Belgio e Olanda rispettivamente il 57 e 56 per cento. Per il Trattato delle Nazioni Unite per la proibizione delle armi atomiche: italiani in testa, 72 su cento, contro 71 tedeschi, 66 olandesi e 66 belgi.
La stessa quota di italiani è contro le banche che investono in armamenti nucleari, superata stavolta dai tedeschi, contrari in una percentuale del 78 per cento, contro il 71 dell’Olanda e il 68 del Belgio. No alle bombe nucleari (pare almeno settanta quelle che abbiamo in Italia), ma neppure aerei in grado di portare quel carico. Praticamente il No agli F35 in costosissimo nuovo arrivo, ad esempio, per quanto riguarda l’Italia.

Remocontro

Remocontro

Read Previous

Motovedette italiane alla Libia, chi le paga, chi se le contende

Read Next

Prepotenza Usa contro Iran, trucchi anti embargo e conti con la storia