lunedì 25 giugno 2018

7 anni di guerra ½ milione di morti, follia Siria

Mondo folle che ‘dà i numeri’. Cinquecentomila morti in sette anni di guerra, di guerre:
– una guerra civile,
– una guerra per procura,
– una guerra internazionale.
– 6 milioni di profughi.

I numeri dell’orrore

  • 12 marzo 2011-12 marzo 2018.
  • 7 gli anni del massacro e non è ancora finita.
  • 3 le guerre combattute: una guerra civile, una guerra per procura e una guerra internazionale.
  • 511mila i morti in una impossibile contabilità.
  • 19.811 i bambini tra di loro.
  • 248.000 i civili uccisi.
  • 6 milioni di profughi.

Le forze in campo

Guerra civile via via trasformatasi in guerra per procura e da tre anni in una guerra internazionale. L’elenco dei protagonisti lo fa Umberto De Giovannangeli sull’ Huffington. In Siria, per quanto noto, sono impegnate forze armate di Russia, Iran, Francia, Stati Uniti, Gran Bretagna e milizie di Hezbollah, quelle sunnite finanziate dall’Arabia Saudita e dalle monarchie del Golfo, e i combattenti curdi siriani dell’Ypg armati dall’America. E poi ancora Israele, con i suoi raid contro postazioni e basi iraniane.

Motivazioni al massacro

Dalla rivolta pacifica al despota Assad alla guerra civile finanziata da contrapposti e poco nobili interessi internazionali, la guerra in Siria, nel suo crescere in mostruosità, si è giustificata come guerra allo Stato islamico, al Califfato sanguinario di Abu Bakr al-Baghdadi. Potenza marginale ora quella jihadista, ma la guerra continuata, sempre più internazionalizzata. “Con la Siria teatro di scontro, diretto o per procura, tra potenze globali e regionali che hanno mire imperiali in Medio Oriente”.

Guerre matrioska

Lotta al terrorismo jihadista come copertura giochi di potenza, la teoria di De Giovannangeli. Una guerra che si nasconde dentro l’altra, matrioska del massacro. Ultimo, il massacro quasi nascosto delle forze armate turche contro i curdi siriani, quelle formazioni sono state decisive per vincere sul campo gli «islamonazisti dell’Isis», definizione da rilanciare. Vincitore formale Bashar al-Assad, ancora al comando solo grazie al supporto militare, politico, finanziario, di Russia, Iran ed Hezbollah libanesi.

Siria in macerie Stato fallito

Siria in macerie Stato fallito nel quale ogni attore in campo, Russia, Arabia Saudita, Iran, Turchia e l’America di Trump cerca il suo tornaconto anche territoriale. La Russia con i propri sbocchi nel Mediterraneo, l’Iran impegnato a consolidare in funzione anti-saudita e anti-israeliana, la mezzaluna sciita sulla direttrice Baghdad-Damasco-Beirut. Gli Stati Uniti a sostegno reciproco con Israele, a non venire esclusi dal Medio Oriente. In tutto questo, il popolo siriano trasformato in una moltitudine di profughi, oltre 6 milioni.

Potrebbe piacerti anche