giovedì 18 luglio 2019

Nel paradiso Maldive va all’inferno la democrazia: golpe pasticcio

Stato di emergenza alle Maldive, arrestati l’ex presidente e i giudici della Corte suprema
– Il primo presidente democraticamente eletto del Paese, Mohammed Nasheed, cacciato da Yameen, ha chiesto l’intervento dell’India e degli Stati Uniti per mettere fine al caos

Caos in Paradiso

Stato di emergenza alle Maldive, arrestati l’ex presidente e i giudici della Corte suprema. Il presidente Abdulla Yameen ha fatto arrestare l’ex capo del governo e leader dell’opposizione Maumoon Abdul Gayoom, suo fratellastro, per corruzione e tentato colpo di Stato. Lo ha scritto sua figlia Yumna Maumoon su Twitter. La situazione era precipitata la scorsa settimana, quando una sentenza della Corte suprema del Paese aveva ordinato la scarcerazione di nove membri dell’opposizione: la decisione aveva provocato proteste e scontri nella capitale Malè dopo che centinaia di oppositori erano scesi in strada a festeggiare.

Per tutta risposta il governo ha lanciato una serie di operazioni di polizia per mantenere il controllo della situazione e ha dichiarato lo Stato di emergenza per un periodo di quindici giorni. Poco prima dei giudici era stato arrestato anche il leader d’opposizione ed ex presidente Maumoon Abdul Gayoom, il fratellastro dell’attuale protagonista e presidente Abdulla Yameen, accusato di corruzione e tentato colpo di Stato. Gayoom aveva guidato il Paese con il pugno di ferro per 30 anni, fino alle prime elezioni democratiche del 2008, ma recentemente è passato all’opposizione. Una famiglia decisamente discutibile.

Intanto il primo presidente democraticamente eletto del Paese, Mohammed Nasheed, cacciato da Yameen, ha chiesto l’intervento dell’India e degli Stati Uniti per mettere fine al caos. A sostenerlo anche l’ex Gayoom, che prima dell’arresto ha invitato i suoi sostenitori a “rimanere fermi e determinati”. “Non abbandoneremo il lavoro di riforma che stiamo facendo”, ha aggiunto. Con mille isole e 400mila abitanti che dipendono principalmente dal turismo, le Maldive sono una delle mete più gettonate da visitatori di tutto il mondo. Col caos politico a rischio gli arrivi. Nessun pericolo nella zone turistiche, ma la Farnesina sconsiglia.

Potrebbe piacerti anche