Privacy Policy
martedì 15 Ottobre 2019

Delitto Kennedy furberia di Trump, svelo ma solo un po’

Kennedy, 2800 files online ma Trump rinvia la divulgazione di alcuni documenti. Nelle carte non rese pubbliche – hanno insistito Fbi e Cia – ci sarebbero i nomi di agenti ed ex agenti segreti, con metodi di intelligence e collaborazioni che restano vitali per proteggere la sicurezza del Paese.

Nessuna concessione liberale del presidente più antiliberale di sempre. Semplicemente ieri scadevano i 25 anni previsti dalla legge per il segreto di Stato, con l’obbligo di legge per la pubblicazione di tutti i documenti sull’assassinio di John Fitzgerald Kennedy. Ma Trump resta Trump anche quando fa finta di essere ‘liberal’, e alla fine qualche segreto lo conserva. Suspance si direbbe al cinema. Forse più sceneggiata che Oliver Stone. E Ma come, facendo finta di cedere alle pressioni di Cia, Fbi ed altre agenzie, Trump ha deciso di mantenere segreti per almeno altri sei mesi oltre 300, per questioni di “sicurezza nazionale”.

Ma come? 25 anni di tempo per prepararsi a questa storica scadenza, e almeno nove mesi per l’amministrazione Trump, perché questo rinvio dell’ultima ora? Sceneggiata, dicevamo. A 50 anni dall’omicidio che cambiò l’America, la mossa di Trump, «In modo che la gente possa finalmente essere pienamente informata su tutti gli aspetti di questo evento cruciale», aveva premesso il tycoon. Poi la poco credibile scoperta dei segreti conservati nei cassetti. «I nomi di agenti ed ex agenti segreti, metodi di intelligence e collaborazioni che restano vitali per proteggere la sicurezza del Paese», prova a convincere la Cia.

E lo scoprono 25 anni dopo? O una massa di deficienti, tra Langley e Casa bianca, o una clamorosa presa in giro per nascondere altro, rispetto alla morte di Kennedy.

I tentativi della Cia di uccidere Castro

In almeno uno dei documenti desecretati, “sommario dei fatti” risalente al 1975, si parla di alcuni tentativi della Cia per uccidere il presidente cubano Fidel Castro. Il documento rientra nelle indagini sulla possibilità che dietro l’omicidio di Kennedy vi fosse Cuba. Peccato che fosse l’esatto contrario: «La commissione ha determinato che agenti della Cia erano coinvolti in pianificazioni in questo Paese con determinati cittadini e altri per cercare di assassinare il premier Castro», si legge nel documento.

In altri file sulle attività anti-castriste degli Stati Uniti si considera la possibilità di contaminare i raccolti a Cuba con “agenti biologici” che apparirebbero come fenomeni naturali. Il piano viene definito «Operazione mangusta». In un altro dossier, sempre tra i piani per ribaltare il governo rivoluzionario castrista, la proposta di lanciare volantini sull’isola con i nomi dei funzionari comunisti da uccidere, ‘Wanted’ come nel vecchio west, con vicino l’ammontare, della ricompensa.

La teoria del bikini

Nuovo spazio ai complottisti che da cinquantaquattro anni vivono di teorie alternative alla verità ufficiale sull’omicidio Kennedy, lamenta Vittorio Zucconi dagli Stati Uniti. Che cita la famosa teoria del bikini, quando, nonostante il molto da vedere, la curiosità punta a quello che è coperto. «Quelle 2.890 ‘files’ scoperte diventano istantaneamente irrilevanti perché la curiosità punta su quello che rimane ancora coperto. Fra oggi e il 26 aprile del 2018, scadenza promessa per completare lo ‘strip-tease degli archivi’, niente di quello che è ancora nascosto cambierà di importanza e sarà servito soltanto ad accedere le fantasie.

Secondo gli storici questi documenti non dovrebbero contenere novità sconvolgenti, come ad esempio l’esistenza di altri killer. Kennedy era stato ucciso da Lee Harvey Oswald e questa verità non dovrebbe cambiare. È possibile però che Cia ed Fbi avessero informazioni su di lui a cui non avevano dato abbastanza credito. Un complottista avrebbe il diritto di sospettare che dietro questa inspiegabile dilazione ci sia un complotto per tenere viva l’attenzione e per distrarre il pubblico. Centottanta giorni per filtrare 309 documenti vecchi di 50 anni, per l’improbabile puntata finale di «Chi ha ucciso John Fitzgerald Kennedy?».

 

Kennedy su Remocontro

John Kennedy 50 anni dopo Documenti Cia 1

Assassinio Kennedy complotto irrisolto Documenti 2: trame

John F. Kennedy 50anni di sospetti

Potrebbe piacerti anche