martedì 25 giugno 2019

Cina, Xi Jinping nella costituzione come Mao Zedong

Le teorie e il nome di Xi Jinping, segretario generale del Partito comunista cinese iscritte nella costituzione. E Xi raggiunge i «padri nobili» Mao Zedong e Deng Xiaoping. Lo ha deciso il 19/mo congresso del Pcc, che si è appena chiuso.

Xi Jinping quasi come Mao. Le teorie e il nome di Xi Jinping, segretario generale del Partito comunista cinese, iscritte nella costituzione. In questo modo, Xi Jinping asseme ai «padri nobili» Mao Zedong e Deng Xiaoping. Le idee di Hu Jintao e Jiang Zemin furono inserite nella costituzione del partito, ma senza aggiungere i loro nomi.

Deng Xiaoping, che aprì la Cina al mercato, è citato per nome, ma si tratta di «teorie». Finora solo per Mao si era usata la definizione di «pensieri», la più alta nella scala. E il fatto che i «pensieri» di Xi siano associati ad una «nuova era» dà la misura dell’elevato livello di potere raggiunto dal presidente cinese.

«Il popolo e la nazione cinesi «hanno un luminoso futuro davanti. In questo grande momento, ci sentiamo più fiduciosi e orgogliosi e,allo stesso tempo, avvertiamo un forte senso di responsabilità», ha detto Xi Jinping, chiudendo i lavori del congresso del Pcc. Tra gli applausi, i leader si sono scambiati le prime strette di mano.

Potrebbe piacerti anche