Privacy Policy
giovedì 19 Settembre 2019

Corea: manovre Usa-Seul-Tokyo

Usa, ‘dimostrazione di forza tra alleati dopo i test missilistici di Pyongyang. I superbombardieri strategici Usa B-1B e l’impiego dei missili ‘terra-terra’ delle truppe americane e i missili balistici coreani a corto raggio.

Due bombardieri americani si sono uniti a caccia sudcoreani e giapponesi per una esercitazione congiunta. Si è trattato – è stato spiegato dalle forze armate Usa – di una missione di addestramento di carattere difensivo e una dimostrazione di forza e unità dei tre Paesi alleati, in risposta ai test missilistici della Corea del Nord.

I due aerei americani, bombardieri B-1B, sono partiti dalla base di Guam ed hanno volato per dieci ore con gli altri velivoli nella zona della Penisola coreana, sul mar della Cina, testando le proprie “capacità di attacco”. Ritornando alla base, i bombardieri hanno sorvolato il Mar della Cina orientale.

Il vicecomandante delle forze armate Usa in Corea, generale Thomas Bergeson, per rincarare la portata del messaggio rivolto alla Corea del Nord di Kim Jong-un, ha detto che i B-1B sono soltanto una delle tante opzioni militari letali a loro disposizione.

Secondo l’agenzia di stampa russa Sputnik, le esercitazioni USA e Corea del Sud sulla costa orientale, sono in risposta al lancio del missile “Hwasong 14” da parte della Corea del Nord.
Esercitazioni con l’impiego dei missili “terra-terra” delle truppe americane e i missili balistici coreani a corto raggio.

Martedì la Corea del Nord ha annunciato che il test del missile intercontinentale “Hwasong 14” ha avuto successo. Il razzo ha volato per 933 km, raggiungendo un’altezza di 2802 chilometri. Il ministero della Difesa russo ha reso noto che il volo del missile è stato monitorato dal sistema radar di difesa aerea.

Secondo le autorità russe, il razzo è salito a un’altezza di 535 chilometri ed ha volato per circa 510 chilometri precipitando poi nel Mar del Giappone.
Pyongyang, in una nota ufficiale, ha dichiarato che la Corea del Nord è in possesso di missili balistici intercontinentali in grado di colpire qualsiasi punto del pianeta.

Potrebbe piacerti anche