• 25 Febbraio 2020

Marine Le Pen capriole per vincere copia Fillon che la copiava

Chi ha mai detto di abbandonare l’euro e uscire dalla UE?
Dopo avere copiato di sana pianta il discorso nazionalpatriottico di Fillon, il quale sperava di drenare voti del Front National, Marine Le Pen ha fatto un’inversione di marcia, peraltro giá da tempo annunciata fra le righe e negli ultimi giorni sempre piú esplicita, benché incomprensibile.
Non si tratta piú di abbandonare moneta unica e Unione, ma di rinegoziare condizioni e trattati per “recuperare sovranitá”.
Ci vorranno comunque mesi o anni (!!!) e comunque, alla fine, varrá la volontá dei francesi attraverso referendum.
In pratica, propositi non cosi lontani da quelli su cui discutono tutte le forze politiche in tutti i Paesi per affrontare il problema dell’Europa che non funziona e non risponde alle attese dei cittadini.

Capriola elettorale? Realismo?
Presa d’atto, dopo Brexit, che anche la Francia avrá tutto da perdere? Probabilmente tutte queste cose insieme. Marine Le Pen non vincerá la battaglia per l’Eliseo, ma può incassare comunque un’insperata valanga di voti, con percentuali attorno al 40 per cento, pescando dai gaullisti e dalla sinistra estrema, dai giovani e dai populisti vecchi e nuovi.
Se la base s’ingrossa, significa nuove responsabilitá e nuove istanze, non tutte corrispondenti al nocciolo duro iniziale.

La testa paterna di Jean Marie Le Pen é stata tagliata definitivamente. Benché i germi xenofobi e antisemiti siamo rimasti in qualche parte del genoma, Marine Le Pen é riuscita a radicarsi nel panorama politico del Paese, oggi come seconda forza, in concorrenza con il vecchio e diviso partito gaullista. Dialobolizzarla o pensare che chi vota per lei sia razzista o cretino ha solo effetti controproducenti.

Anche perché, cambiando il messaggio, proprio Marine Le Pen ha capito che i suoi elettori non sono cosi cretini e cosi sprovveduti da credere che si possa uscire dall’euro e dall’Europa senza pagare dazio. Brexit insegna.
Solo Salvini non sembra averlo capito.

Massimo Nava

Massimo Nava

Massimo Nava, giornalista, editorialista del Corriere della Sera da Parigi, già inviato di guerra in numerosi conflitti e autore di numerosi libri.

Read Previous

Ong e migranti, azzardi giudiziari e servizi segreti inventati

Read Next

Libia: Serraj Haftar si incontrano, possibile svolta