lunedì 25 settembre 2017

Parigi, sangue Isis sul voto in Francia -VIDEO

Attacco terroristico in Francia. Un terrorista spara contro una pattuglia di polizia, ne uccide uno e ne ferisce due, prima di essere a sua volta ucciso. L’attentatore era noto ai servizi di sicurezza: ‘Aveva già sparato ad un agente nel 2001’. L’episodio a tre giorni dalle elezioni presidenziali in Francia

Ancora terrore a Parigi, stavolta agli Champs Elysées, a tre giorni dal voto in Francia. Ieri sera Karim Cheurfi, un 39enne armato di kalashnikov, ha sparato sugli Champs-Elysees a Parigi uccidendo un poliziotto e ferendone altri due, prima di venire a sua volta ucciso. L’attentato è stato rivendicato dall’Isis. Stamani tre persone ritenute vicine all’assalitore sono state fermate e interrogate dai servizi antiterrorismo.

IL MOMENTO DELL’ATTACCO NEL VIDEO UN TESTIMONE (DA YOUTUBE)

L’uomo era stato arrestato lo scorso febbraio per avere minacciato la polizia ed era poi stato rilasciato per mancanza di prove. Nella sua auto, dopo la sparatoria, la polizia ha ritrovato appunti scritti a mano con l’indirizzo della Dgsi. Nella stessa auto, riferiscono i media, insieme ad un fucile a pompa e ad alcuni coltelli, c’erano un Corano e fogli scritti inneggianti all’Isis.

Si è dissolta invece l’ipotesi di un collegamento con il Belgio, che aveva preso corpo dopo l’avviso di ricerca nei riguardi di un uomo diramato dalle autorità del Paese: l’uomo, infatti, si è presentato spontaneamente al commissariato ad Anversa, ha un alibi e nega ogni coinvolgimento nei fatti di Parigi.

Intanto il secondo agente ferito nell’assalto sugli Champs-Elysées è stato dimesso dall’ospedale Georges Pompidou: a salvarlo è stato il giubbotto antiproiettile. Ora riceverà assistenza psicologica. La passante colpita, di nazionalità tedesca, è stata “ferita al piede, deve essere operata”.

All’Eliseo si è tenuto un Consiglio di difesa convocato d’urgenza ieri sera dal presidente francese Francois Hollande dopo l’attentato. Tra gli altri, erano presenti inoltre i capi dei servizi di sicurezza, dell’intelligence e delle forze armate.

 

Potrebbe piacerti anche