Privacy Policy
martedì 15 Ottobre 2019

Merkel e Juncker solo per passione

LEADERSHIP VERE O PRESUNTE –
Angela Merkel ha annunciato a Berlino la sua candidatura per un quarto mandato alla cancelleria.
Anche il commissario europeo Juncker non molla, e nemmeno ci aveva pensato: Bruxelles smentisce rivelazioni stampa tedesca. Vera bufala da tabloib britannico, quella di un ritorno sulla scena politica di Tony Blair che smentisce il Sunday Times e i giudizi che avrebbe espresso: l’attuale premier Tory, Theresa May, come “una mezza calzetta”, e l’attuale leader radicale del Labour, Jeremy Corbyn, come “uno svitato”. Anche nella bugia, qualche pezzo di verità lo trovi sempre.

Dunque Angela Merkel ha annunciato a Berlino la sua candidatura per un quarto mandato alla cancelleria: «Questa elezione -ammette- sarà difficile come mai in passato, almeno dalla riunificazione tedesca. Ci saranno attacchi da destra e da sinistra e una forte polarizzazione della società. Ma c’è rischio di contestazioni anche a livello europeo e internazionale ai nostri valori e al nostro modo di vivere». Insomma, Trump o populisti europei vari incombono sul mondo.

Resistenza, sostiene la Cancelliera, quasi costretta dai fatti ad un quarto mandato. «Una decisione non semplice, per me personalmente, per capire, dopo 11 anni quanta curiosità e quanta voglia ci fosse ancora per gestire i problemi dei prossimi quattro anni». Merkel eroina costretta? Un nostro amico lettore che di mestiere faceva l’ambasciatore osserva come “neanche Kohl, che pure aveva riunificato la Germania, ce la fece”. Anche lui non aveva resistito alla tentazione e fu punito dall’elettorato.

Sondaggio, per quanto vale. Per un quarti mandato Merkel il 55% degli intervistati dall’istituto Emnid per il settimanale “Bild am Sonntag”. Il maggiore sostegno (92%) viene dagli elettori del suo partito cristiano-democratico e sociale (Cdu-Csu) e dalle donne (66%). Anche il 54% degli elettori socialdemocratici (Spd) vogliono che continui, secondo la rilevazione. Un altro sondaggio dà la Spd in crescita di un punto rispetto alla settimana scorsa al 24% e la Cdu in calo della stessa misura al 33%, riporta il sito del quotidiano Die Welt. I populisti dell’Afd crescono di un punto al 13%.

Jean-Claude Juncker and Angela Merkel

Juncker non si dimetterà
«No, il presidente non si dimetterà». Ipotesi stampa tedesche, sull’asse democristiani (Junker) e socialisti (il tedesco Martin Schulz) che regge l’attuale alleanza di governo dell’Unione europea.
Se lascia uno l’altro muore (politicamente)? E la voce’ Junker si lega alla decisione Merkel. Un Martin Shult ipotetico uomo forte nel quarto governo Merkelm, per poi prenderne il posto? Nega il portavoce della Commissione europea, Alexander Winterstein.

E smentisce le indiscrezioni comparse sulla stampa tedesca secondo cui Jean Claude Juncker non sarebbe sicuro di restare al suo posto e potrebbe rassegnare le dimissioni nel caso in cui il presidente del Parlamento europeo, il socialdemocratico Martin Schulz attualmente considerato dal Pse candidato alla riconferma per un terzo mandato, decidesse invece di partecipare alla campagna elettorale tedesca o assumesse un incarico di governo.

Angela Merkel and Prime Minister Blair

Per fortuna Blair non torna
Tony Blair smentisce seccamente le indiscrezioni del Sunday Times su una sua presunta ambizione di tornare alla politica attiva in Gran Bretagna dietro il paravento di un ‘centro studi’ impegnato nel dibattito sulla Brexit per cercare di frenarne l’attuazione. L’idea secondo cui l’ex premier mira a a giocare un ruolo politico per provare a condizionare il cammino verso il divorzio dall’Ue «È totalmente sbagliata», ha dichiarato una sua portavoce.

La stessa fonte ha anche negato che Blair abbia bollato l’attuale premier Tory, Theresa May, come «una mezza calzetta», e l’attuale leader radicale del Labour (sua storica bestia nera nel partito), Jeremy Corbyn, come «uno svitato». Blair nei mesi scorsi aveva annunciato un ridimensionamento della sua controversa e lucrosa attività di consulente internazionale, alimentando congetture. Pur ammettendo un rinnovato interesse per la politica, aveva escluso un vero ritorno in scena, almeno per ora.

Potrebbe piacerti anche