giovedì 18 luglio 2019

Il ‘Pi Greco’ per calcolare la stupidità politica

L’episodio tragicomico in cui il Pi Greco, π, corse il rischio di diventare un numero razionale per legge, ma alla fine si salvò. Lo racconta Francesco Esposito su Tom’s Hardware: ‘News e Recensioni Tecnologia’, diretto dal nostro autore e amico, Pino Bruno. Per conoscere e assieme sorridere.

Pi Greco
Chi non conosce il celeberrimo ‘Pi Greco’, il π, numero definito come il rapporto tra la lunghezza di una circonferenza e il suo diametro, la formula elementare su cui ci siamo dedicati tutti dalle medie inferiori e forse anche prima.
Vuoi mettere quel signor ‘Pi’ arrivato dalla Grecia per calcolare l’area del cerchio, rispetto ad un banale ‘base per altezza’ di un parallellogramma qualsiasi?
Già nella Grecia antica ci si chiedeva se fosse possibile costruire un quadrato e un cerchio che avessero la stessa area. La famosa ‘quadratura del cerchio’, usando esclusivamente riga e compasso.

La quadratura del cerchio
La risposta negativa al quesito è arrivata solo nel 1882 per mano del matematico tedesco Ferdinand von Lindemann. Dall’antica Grecia al 1882, ci dà un’idea di come il problema non fosse banale, e anzi fu necessario l’utilizzo della teoria che porta il nome di quel genio di Évariste Galois, matematico francese morto a soli vent’anni, sviluppata nel XIX secolo. Ma non è cosa per noi.
Ovviamente, il problema della quadratura del cerchio ha avuto numerosi tentativi di risoluzione, tutti sbagliati.
Il più strano di tutti però è quello di un disegno di legge presentato dal Dr. Edward J. Goodwin all’Assemblea Generale dello Stato dell’Indiana.

Perché è stato eletto Trump
Nella sua proposta di legge il Dr. Goodwin propose e brevettò un metodo di quadratura del cerchio e, spinto dal suo magnanimo patriottismo, concesse che lo Stato dell’Indiana potesse utilizzare tale metodo nell’insegnamento a titolo gratuito, mentre tutti gli altri stati del mondo avrebbero dovuto pagargli i diritti d’autore. Cosa diceva questa proposta di legge?
Stabiliva che “il diametro sta alla circonferenza come 5/4 sta a 4, ossia che il rapporto tra circonferenza e diametro, il nostro sventurato Pi Greco, è uguale a 4/(5/4)=16/5=3,2. Quindi Pi Greco è (sarebbe stato, per meglio dire) un numero razionale per legge.

Dissennato senato
Alcuni senatori presero in considerazione questa proposta di legge e la approvarono il 5 Febbraio 1897.
Ma la Matematica non fa sconti neppure allo Stato dell’Indiana e al suo Senato.
Il prof. Clarence Abiathar Waldo, preside del Dipartimento di Matematica dell’Università di Purdue, assistendo allo scempio che si perpetrava ai danni di Pi Greco, riuscì ad avvisare i senatori del terribile errore nella proposta che si discuteva in Assemblea Generale e si riuscì a concludere la vicenda ridicolizzando la proposta, prima che lo facesse la storia e la matematica

Francesco Esposito,
l’autore di questo racconto su Tom’s Hardware, è laureando alla Magistrale di Matematica all’Università del Salento. Il suo campo di interesse è la Geometria, in particolare Geometrie non-euclidee e Geometria Differenziale. Ha partecipato ad eventi di divulgazione scientifica. Se proprio siete appassionati come lui, o per semplice ripasso da ex studenti alle prese con circonferenza o area del cerchio, il π è conosciuto anche come costante di Archimede.
Del π, se proprio insistete ad essere impiccioni, le prime 100 cifre decimali sono:
3,14159 26535 89793 23846 26433 83279 50288 41971 69399 37510 58209 74944 59230 78164 06286 20899 86280 34825 34211 70679…

https://www.tomshw.it/pi-greco-razionale-per-legge-una-vicenda-tragicomica-81418

Potrebbe piacerti anche