Privacy Policy Marco Pannella divorzia dalla malattia e se ne va -
domenica 8 Dicembre 2019

Marco Pannella divorzia dalla malattia e se ne va

È morto Marco Pannella. Ha dato il divorzio all’Italia quando i poteri forti cattolici non ne volevano sapere. Alle donne diede l’aborto legale. Ha inventato le battaglie per i diritti civili, per l’obiezione di coscienza antimilitarista, ha avversato la partitocrazia quando gli altri intascavano tangenti. Ha cambiato l’Italia restando in minoranza.

Il divorzio, l’aborto, gli omosessuali, la pena di morte, la partitocrazia, la pace e la fame nel mondo. Ha dato il divorzio all’Italia quando i poteri forti cattolici non ne volevano sapere. Alle donne diede l’aborto legale. Ha inventato le battaglie per i diritti civili, obiezione di coscienza antimilitarista, ha avversato la partitocrazia quando gli altri intascavano tangenti. Ha cambiato l’Italia restando in minoranza

Questo e altro, Marco Pannella – morto a 86 anni – ha regalato all’Italia. Ricavandone spesso sorrisi beffardi e offese. Se ne va uno dei protagonisti del Novecento italiano, che si è confrontato spesso polemizzando con tutti i leader della storia: da Togliatti e De Gasperi per arrivare alla piccola attualità politica di oggi. Lottava da tempo contro due tumori.

Pannella politico
Alfiere dei diritti individuali e inventore della disobbedienza civile, Pannella è stato capace di attirare tra i radicali i giovani contestatori degli anni settanta e poi, vent’anni dopo, di allearsi con Berlusconi. Ma nessuno sostiene sia stato un voltagabbana. Per lui l’importante era far vincere le sue idee. Certo non è stato un politico convenzionale.

Pannella privato
Anche la sua vita privata è stata fuori dagli schemi: “Sono legato da 40 anni alla mia compagna Mirella, ma ho avuto tre o quattro uomini che ho amato molto. E con lei non c’è stata mai nessuna gelosia”. Nessun figlio dalla moglie, ma forse più d’uno, per sua stessa ammissione, sparsi in giro per l’Italia, frutto dei suoi amori giovanili.

Pannella e gli applausi dopo
Tanti, troppi applausi a Pannella morto, dopo tanti, troppi vituperi in vita. L’epitaffio più opportuno quello di Emma Bonino. «Mancherà a tutti, penso persino ai suoi avversari Marco Pannella, molto amato ma poco riconosciuto nei suoi meriti in questo paese che tanto gli deve. Credo che ora molti dovrebbero riflettere, ora che non è più in vita, sui suoi meriti e la sua presenza nella storia di questo Paese».

Potrebbe piacerti anche