Privacy Policy Bastian contrarissimo su assenteisti irriducibili & varie -
sabato 18 Gennaio 2020

Bastian contrarissimo su assenteisti irriducibili & varie

Assenteisti irriducibili peggio di antichi brigatisti, e mai pentiti. Le furberie avvocatesche e porcherie varie. Il debito di 13,5 miliardi del comune di Roma. La professoressa di Bagnoregio (Viterbo) che insegnava a pestare il più debole. Ancora residenza lager per anziani a Vercelli. L’affittopoli napoletana e il sindaco distratto. 

IACP di Messina: 78 su 96 dipendenti sono stati condannati per assenteismo. Non uno è stato licenziato. A Pordenone era stato licenziato un dipendente che, furbetto, si era fatto 415 giornate di congedo straordinario; ora vuole tutti gli arretrati. Tra gli incidenti “fantasma” di Napoli (con 62 medici, 12 avvocati e 300 indagati a vario titolo) c’è un signore, Gerardo “Tapparella” Oliva, di professione testimone: in ben 650 incidenti.

Una “notiziola” nell’editoriale del Corriere della Sera di domenica 21 febbraio, firmato dall’ex direttore Ferruccio de Bortoli: fino al 2040 il Comune di Roma continuerà a ricevere un contributo annuale di 300 milioni per la gestione del proprio debito (13,5 miliardi). Una notizia ignorata (o taciuta?) dall’ex sindaco Marino e da quelli che ancora lo sostengono. Il Bastian chiede: ma prima o poi qualcuno risponderà alla domanda (sul debito del Comune) “fuori i nomi!”?

Una insegnante delle medie, a Bagnoregio (Viterbo), 59 anni, tra le sue lezioni di vita e di scuola diceva anche “Picchiate il vostro compagno”. Agli studenti diceva di schiaffeggiare il compagno in difficoltà, di prenderlo di peso e portare fuori aula, di picchiarlo al volto, anche con il righello. Alcuni genitori hanno scritto alla preside denunciando questi fatti, e la professoressa li ha minacciati di ritorsioni sui loro ragazzi. La prof è stata sospesa. Il Bastian si chiede: ma quanto durerà la sospensione? Una prof del genere è da cacciare subito. O no?

Borgo D’Ale, provincia di Vercelli. In una residenza per anziani (110 pazienti e 85 dipendenti) questi erano presi a schiaffi, picchiati con manici di scopa, feriti e umiliati, legati e costretti a sdraiarsi per terra mentre venivano calpestati. Sono state arrestate otto persone all’interno della casa di cura, e altre undici sono state portate in carcere. E’ la stessa struttura dove 32 anni fa la polizia aveva messo fine alle violenze della “santona” Mamma Ebe. Poi sono arrivati, evidentemente, i suoi discepoli.

Giuseppe Narducci è un magistrato della Procura della Repubblica di Napoli che seguì Luigi de Magistris all’inizio del suo incarico di sindaco. Cominciò nel nuovo incarico proponendo che la giunta facesse una svolta nella gestione del patrimonio immobiliare del Comune. Niente da fare, e un anno dopo il magistrato si dimise da assessore e tornò a fare il magistrato. Perché una porzione rilevante del patrimonio del Comune era stata usata troppo spesso in modo clientelare. E perché, dice, il Comune a cominciare dal sindaco De Magistris (ex magistrato) “non aveva nessuna cognizione del patrimonio che possedeva”. Il sindaco oggi dice: “Affittopoli a Napoli è un retaggio del passato”. Le smentite a questa categorica affermazione sono documentate ogni giorno sulla cronaca napoletana de Il Mattino. E’ di pochi giorni fa una conferma: per i negozi in affitti il Comune perde 14 milioni all’anno (caso clamoroso: a Chiaia negozio a 23 euro al mese).

Potrebbe piacerti anche