sabato 20 luglio 2019

Le quasi esequie 2015
un anno su cui litigare

La Bbc ha pubblicato una lista delle principali notizie false circolate quest’anno sui social network. Video creati per ingannare e altri diffusi per errore. Dagli attacchi di Parigi all’accordo sul nucleare iraniano, le notizie più importanti dell’anno. E una buona parola per il povero 2015 non così male

BUGIE WEB 2015 SECONDO LA BBC

 

 

La fotografia dei due bambini dopo il terremoto in Nepal

 

Nguyen_ vera

 

Dopo il sisma che ha colpito il Nepal il 25 aprile 2015 l’immagine di due bambini piccoli abbracciati è stata diffusa attraverso Facebook e Twitter con la didascalia: “Bambina di due anni protetta dal fratello di quattro in Nepal”.

 

In realtà la foto risale al 2007 ed è stata scattata nel villaggio vietnamita di Can Ty dal fotografo Na Son Nguyen, ma non era la prima volta che veniva interpretata erroneamente. Inizialmente era stata condivisa come immagine di orfani abbandonati in Vietnam o in Birmania, ma in alcuni casi i due bambini erano stati fatti passare per vittime del conflitto siriano.

 

 

 

Il rifugiato accusato di far parte del gruppo Stato islamico

 

jihadista

 

Un post su Facebook pubblicato a settembre mostrava il confronto tra due fotografie della stessa persona: un migrante siriano ritratto in Macedonia nell’agosto del 2015 e in Siria nel luglio del 2014, armato. Secondo l’autore del post l’uomo, poi identificato come Laith al Saleh, militava nel gruppo Stato islamico.

In realtà, prima di lasciare la Siria, Laith al Saleh faceva parte dell’Esercito siriano libero, un gruppo armato ribelle che si oppone al regime di Bashar al Assad.

 

 

 

 

LE NOTIZIE PIÙ IMPORTANTI DELL’ANNO

 

Dagli attacchi di Parigi all’accordo sul nucleare iraniano: la cronologia delle notizie più importanti dell’anno, quelle che hanno suscitato più discussioni, quelle di cui parleremo anche nel 2016, scelte dalla redazione di Internazionale.

 

Charlie H 800

 

1

L’attacco a Charlie Hebdo in Francia

7 gennaio

 

2

Syriza vince le elezioni in Grecia

25 gennaio

 

3

Il naufragio di 800 persone al largo della Libia

19 aprile

 

4

Il terremoto in Nepal

25 aprile

 

5

Gli Stati Uniti legalizzano i matrimoni gay

26 giugno

 

6

L’accordo sul nucleare iraniano

14 luglio

 

7

Gli attentati di Parigi

13 novembre

 

8

Mauricio Macri vince le elezioni in Argentina

23 novembre

 

9

La conferenza dell’Onu di Parigi approva l’accordo sul clima

13 dicembre

 

10

Una road map per la pace in Siria

18 dicembre

 

 

 

IL 2015 L’ANNO MIGLIORE DI SEMPRE

 

Sempre da Internazionale, Charles Kenny, dagli Stati Uniti scrive a difesa del 2015. Che ci proporrebbe un mondo più istruito, più nutrito, più sano, più libero e più tollerante. Bah.

 

Gay  800

 

Violenza: nonostante le ripetute stragi con armi da fuoco, il paese è molto più sicuro che in passato.

Nei paesi per i quali sono disponibili le statistiche sugli omicidi dal 2000 al 2012, si stima che i casi siano calati del 6 per cento.

 

Terrorismo e guerre: non si può dire altrettanto del terrorismo e delle guerre: messi assieme hanno fatto più vittime tra il 2013 e il 2014 che negli anni immediatamente precedenti, secondo i dati più aggiornati.

 

Carestia ed epidemie, dovute alla guerra, sono entrambe in ritirata.

 

Virus della rabbia, uccide tre volta in più del terrorismo.

 

Cancro allo stomaco, ha ucciso di più di tutti gli omicidi, i massacri e le guerre messi insieme.

 

Ebola. Il virus abbia ucciso circa 11.315 persone in tutto il mondo. Si temeva potessero o morirne 1,4 milioni.

 

Bambini. Ogni anno sopravvivono 6,7 milioni di bambini sotto i cinque anni in più rispetto al 1990

 

Poliomelite. È di agosto la notizia che non è stato riscontrato neanche un caso di poliomielite in Africa. Il virus, con 350mila casi registrati ancora nel 1988, è in via di estinzione.

 

Morbillo. Dal 2000 i casi di morbillo si sono ridotti di oltre due terzi, risparmiando più di 17 milioni di vite grazie alla vecinazioni.

 

Diritti civili e politici: arretrano paesi come Turchia e Thailandia, mentre secondo Freedom House il numero complessivo di democrazie parlamentari rimane al massimo storico di 125. Negli Stati Uniti è stato legalizzato il matrimonio gay in tutto il Paese.

 

Povertà estrema: meno del dieci per cento della popolazione mondiale in condizioni di povertà estrema, cioè con meno di 1,9 dollari al giorno. Era il 37 per cento registrato nel 1990.

 

Flussi migratori. Qualche riflusso di razzismo ma poteva essere peggio nonostante i rigurgiti nazionalisti suscitati in tutta Europa dall’attacco terroristico a Parigi.

 

Riscaldamento globale: alla conferenza sul cambiamento climatico di Parigi maggiore decisione nell’affrontare insieme la questione del riscaldamento globale.

 

Sviluppo sostenibile: eliminazione della povertà estrema, la riduzione della mortalità infantile sotto i cinque anni e il diritto all’istruzione e alla scolarizzazione di tutti i bambini.

 

 

Conclusione,

secondo Charles Kenny, i risultati da lui rilevati negli uiltimi 15 anni fanno sperare che, lavorando di comune accordo, l’umanità possa fare ancora meglio nei prossimi 15.

Ecco perché -secondo lui- il 2015 è stato l’anno migliore in assoluto nella storia per gli esseri umani e perché quasi sicuramente il 2016 sarà anche migliore.

 

Speriamo abbia davvero ragione.

Potrebbe piacerti anche