Privacy Policy
giovedì 19 Settembre 2019

L’inquinamento non è biodegradabile

Capo Seattle, e stato un condottiero pellerossa capo delle tribù Duwamish e Suquamish. È rimasta celebre la lettera che scrisse nel 1854 al Presidente degli Stati Uniti Franklin Pierce, da lui chiamato “Gran Capo di Washington” in cui esprime il proprio timore per l’intenzione del governo americano di acquistare il territorio della sua tribù, nella […]

Capo Seattle, e stato un condottiero pellerossa capo delle tribù Duwamish e Suquamish.
È rimasta celebre la lettera che scrisse nel 1854 al Presidente degli Stati Uniti Franklin Pierce, da lui chiamato “Gran Capo di Washington” in cui esprime il proprio timore per l’intenzione del governo americano di acquistare il territorio della sua tribù, nella zona dell’odierna Seattle.
Questa la conclusione della lettera sulla cui autenticità sono sorti molti dubbi. Lettera che resta comunque una sorta di manifesto ambientalista e non soltanto.

« Insegnate ai vostri figli quello che noi abbiamo insegnato ai nostri: la terra è la madre di tutti noi. Tutto ciò che di buono arriva dalla terra arriva anche ai figli della terra. Se gli uomini sputano sulla terra, sputano su se stessi. Noi almeno sappiamo questo: la terra non appartiene all’uomo, bensì è l’uomo che appartiene alla terra. Questo noi lo sappiamo. Tutte le cose sono legate fra loro come il sangue che unisce i membri della stessa famiglia. Tutte le cose sono legate fra loro. Tutto ciò che si fa per la terra lo si fa per i suoi figli. Non è l’uomo che ha tessuto le trame della vita: egli ne è soltanto un filo. Tutto ciò che egli fa alla trama lo fa a se stesso. C’è una cosa che noi sappiamo e che forse l’uomo bianco scoprirà presto: il nostro Dio è lo stesso vostro Dio. Voi forse pensate che adesso lo possedete come volete possedere le nostre terre ma non lo potete. Egli è il Dio dell’uomo e la sua pietà è uguale per tutti: tanto per l’uomo bianco quanto per l’uomo rosso. Questa terra per lui è preziosa. Dov’è finito il bosco? È scomparso. Dov’è finita l’aquila? È scomparsa. È la fine della vita e l’inizio della sopravvivenza »

capo-indiano1

Si dice che il discorso di Capo Seattle sia una leggenda urbana. Citato da politici e personaggi di ogni genere dal principe Filippo d’Inghilterra a Bush padre a Gore e a Bill Gates entrato nel Libro Verde del governo canadese, trasformato nel “santo patrono” del movimento ecologista — e con qualche ragione dato che Seattle era cattolico – diventato un toponimo di quella città che ha visto nascere il cosiddetto Popolo di Seattle, il primo movimento no global, che assediava i vertici internazionali, Capo Seattle divenne una star dopo che un certo Ted Perry scrisse la sceneggiatura di un documentario ecologista prodotto per la TV da una chiesa protestante la Southern Baptist Convention (quella dell’ex presidente Clinton).

Michael Her Many Horses direttore esecutivo della tribù Oglala Sioux di Pine Ridge South Dakota ricordò bene quando dubitò del discorso di Capo Seattle trasmesso durante un documentario TV sulla foresta pluviale della Costa Nordovest: “Mi faceva sentire bene -rivelò a Newsweek – ma era troppo perfetto”. Mentre Ross Anderson del Seattle Times avvertiva che frasi diventate immortali come “La terra è nostra madre”, “Contaminate il vostro letto e una notte soffocherete nella vostra sporcizia”, stampate su milioni di poster e T-shirt oppure quel ricordo: “Ho visto migliaia di bisonti marcire sulla prateria abbandonati dall’uomo bianco che sparava loro da un treno di passaggio”, erano state inventate.

 

Perdonatemi la lunga introduzione/citazione, Mater mestissima, il cielo è chiuso e tetro, l’aria che respiriamo è veleno, eppur bisogna andar con automobili grosse, trazioni a quattro ruote…l’altalena sadica dell’inquinamento s’infila, iniettando bianca e sclerotica malattia nel nostro pneuma, soffio vitale. Certo sarà pure falso il discorso di Capo Seattle, ma l’inquinamento riempie le città rendendole ipertrofiche. E quel falso, ammesso sia falso, lì s’ingegna a tradurre lo sgomento in furore.

La particella pronominale si chiama inquinamento. E’ la sintesi amara e spietata dello sviluppo economico. Lo sgomento maggiore nasce dalla non cognizione del dolore. Costretti poi alle varie farse dei provvedimenti beffardi dei vari “saputelli” di turno, per farci passare come paesani tonti, ci facciamo le regole da soli indotti dal mantra del’automobile come veicolatore di libertà. Tra balbettii babbuinici, di mille informatori che mortificano pure la loro bocca che li pronuncia, ci tocca l’impudicizia di chi ci dice di iperproduzioni per profitti sfrenati.

 

Non esiste un posto accessibile nelle città dell’uomo bianco. Non esiste un posto per vedere le foglie e i fiori sbocciare in primavera, o ascoltare il fruscio delle ali di un insetto. Ma forse è perché io sono un selvaggio e non posso capire. Il baccano sembra insultare le orecchie. E quale interesse può avere l’uomo a vivere senza ascoltare il rumore dell’erba o il chiacchierio delle rane, la notte, attorno ad uno stagno?

Io sono un uomo rosso e non capisco. L’indiano preferisce il dolce suono del vento che slanciandosi come una freccia accarezza la faccia dello stagno, e preferisce l’odore del vento bagnato dalla pioggia mattutina, o profumato dal pino pieno di pigne. L’aria e’ preziosa per l’uomo, giacche’ tutte le cose respirano con la stessa aria: le bestie, gli alberi, gli uomini tutti respirano la stesa aria. L’uomo bianco non sembra far caso all’aria che respira.

 

Ma se noi vendiamo le nostre terre, voi dovrete ricordare che l’aria per noi è preziosa, che l’aria divide il suo spirito con tutti quelli che fa vivere. Dunque che sia una fortuna? Vero o falsa la lettera di Capo Seattle, significa perdere o vincere su un solo tavolo, significa, non nascondersi dietro le statue per non decidere.

Ma forse è perchè siamo un po’ selvaggi, in minoranza d’accordo, che ci piace la lettera. L’aria è preziosa per l’uomo, giacchè tutte le cose respirano con la stessa aria: le bestie, gli alberi, gli uomini tutti respirano la stesa aria.
Alle scuole elementari lo insegnano, ma poi tutto si complica nelle caverne della civiltà industriale, il liberalismo è abile nel fornire regole deformanti,

 

Dopo secoli di progresso, in cui la crescita è stata la quintessenza stessa del senso della storia e delle speranze terrene, può sembrare impari pensare di “regredire”, cioè di invertire o almeno fermare la corsa, diventata autodistruttiva, ( tutto è documentato l’effetto-serra, l’inquinamento, la deforestazione, l’invasione di composti chimici non più domabili… e un ulteriore lunghissimo elenco di ferite della biosfera e dell’umanità).

Ogni bene e ogni attività è trasformata in merce: si può comperare, vendere, affittare. Persino il sangue (dei vivi), gli organi (dei morti e dei vivi) e l’utero (per una gravidanza in “leasing”). Tutto è diventato fattibile: dal viaggio interplanetario alla perfezione omicida di Auschwitz, dalla neve artificiale alla costruzione e manipolazione arbitraria di vita in laboratorio. Che cosa resta da fare?

Ora che il veleno ha colorato acqua e aria, scopriamo che si è fatto ben poco. In questo paese da anni un piano serio per la mobilità nelle città, salvo qualche eccezione, non esiste, non si ha una pallida idea di come muovere milioni di persone. Lo si fa in modo arruffato. E si aspetta la pioggia. Teoricamente si è persuasi del disastro, ma si continua sulla strada classicamente italiota, perché il profitto, la ricchezza dei pochi è molto più importante della vita umana e del pianeta.

 

 

Ma l’autodistruzione non riesce pure a motivare i tanti automobilisti, deformati dalla grafia delle 4ruote, nel cambiare strada, piuttosto convivono con la mutilazione, sperano con la rabbia individuale di spostare un po’ più in là la resa dei conti.

Quel che resta del giorno è ben poco, difficile persino a dirsi. Il patrono degli automobilisti pratica tassi di inquinamento altissimi, non serve raccomandare etica e rispetto per l’ambiente, si fa la politica delle cose non delle idee, fuck yourself, si rema con euforia incontro alle fucilate assassine del profitto arricchendone il carniere.

Un oboe sommerso risillaba in moto perpetuo echi di foglie morte,l’aria ristagna miserella , si volgono gli occhi al cielo per indovinare se verrà pioggia, che venga questa pioggia si impreca, per pulire l’aria. Ahimè dico, roba da matti, nessuno ha mai fiatato, forse il nostro pese è l’unico paese dove sempre al limite del paradosso ci si dimentica il problema subito il giorno dopo: Insomma Pilato sempre: io me ne lavo le mani.

Potrebbe piacerti anche