Privacy Policy BASTIAN CONTRARIO Finita la bagarre Boschi ora i risparmiatori truffati -
mercoledì 22 Gennaio 2020

BASTIAN CONTRARIO
Finita la bagarre Boschi
ora i risparmiatori truffati

Bastian in vacanza sino a metà gennaio (beato lui), e dopo tanto Vatileaks si evita l’altro scandalo di Chiesa che tocca la diocesi di Mazara del Vallo e minaccia questo Natale di Giubileo. Dai Monsignori inquisiti alla Ministra Boschi assolta a larga maggioranza in Parlamento ma…

Il salvataggio, controverso, di Banca Marche, Etruria, Cari-Chieti e CariFerrara ha occupato per giorni le cronache dei giornali nazionali. Ma pochi si sono accorti che, a livello europeo, la Commissione europea dell’Eurogruppo era d’accordo. Con una significativa opposizione: della Germania. Che però, in una situazione analoga, aveva elargito 250 miliardi di euro per salvare varie banche tedesche al collasso.

L’Italia e altri Stati membri dell’Europa, che non avevano speso per le banche nazionali (come nel caso recente) dovettero sborsare somme enormi per salvare quelle tedesche, francesi, irlandesi e spagnole. Ma i contribuenti tedeschi protestarono, e la cancelliera Merkel intervenne: la vigilanza venne centralizzata presso la Bce, ma escludendo le casse regionali tedesche, controllate di fatto dai politici locali.

Le perdite dei fallimenti sono state spostate sui privati (azionisti, obbligazionisti e grandi depositanti), con l’accordo che il sistema doveva essere completamente ridiscusso. Ma la Germania non ne vuol sentir parlare fino al 2017. Il Bastian si permette solo di commentare: ma la Merkel non si rende conto di esagerare?

 

 

La Confindustria dell’Emilia-Romagna ha fatto una indagine sugli investimenti delle imprese industriali della regione, rilevando che sono in atto investimenti che non si vedevano dal 2010. Il campione analizzato è di 557 imprese del manifatturiero, comprese quelle che hanno un azionista di controllo tedesco (132 aziende, con un fatturato consolidato di 3,5 miliardi di euro.

C’è una spiegazione apparentemente banale: non c’è il “ti pago meno e tu fai di meno” ma il “ti pago di più se fai di più”. E non è che il sindacato sia debole, anzi: la Fiom (Cgil) è fortissima. Spiega Valerio Bondi, uno dei responsabili regionali Fiom: “Le discussioni con le aziende vanno sempre portate al dunque, e dove c’è il riconoscimento della contrattazione, la palla non va mai gettata in tribuna”. Il Bastian si inchina.

 

 

Il semestre di Expo 2015 ha portato un milione di arrivi turistici nella area metropolitana milanese e nella provincia di Monza e Brianza, rispetto allo stesso periodo del 2014. E a fine anno i visitatori totali saliranno a quota otto milioni, rispetto ai 7,1 milioni del 2014. Tra maggio e ottobre sono arrivati in città 4,8 milioni di persone, contro i 3,8 del 2014. Milano ride, e ne ha diritto, riconosce il Bastian.

Potrebbe piacerti anche