Privacy Policy Nella Parigi ferita Conferenza Onu sul clima -
sabato 14 Dicembre 2019

Nella Parigi ferita
Conferenza Onu sul clima

I big della Terra e il nodo dell’economia ‘carbon free’. Quando, quanto e come tagliare le emissioni di gas serra. In ballo 100 miliardi di dollari all’anno sino al 2020 che le nazioni ricche dovrebbero dare a quelle povere per far sì che la loro crescita non poggi sui combustibili fossili

Si apre in un’atmosfera di forte tensione per via dell’ emergenza Isis a Parigi la XXI Conferenza mondiale sul clima, la Cop21. Evento confermato a tutti i costi dal presidente Francois Hollande nonostante i rischi sicurezza. ‘La migliore risposta al terrorismo’, e che vedrà i leader del Pianeta arrivare lunedì prossimo, 30 novembre, nell’aeroporto di Parigi-Le Bourget dove si apriranno i lavori del summit che coinvolge 195 Stati dell’Onu più la Ue e che si concluderà l’11 dicembre.

 

http://www.remocontro.it/2015/11/28/futuro-500-milioni-bambini-nelle-mani-si-vende-clima/

 

 

Parigi clima fb

 

 

‘Quando, quanto e come tagliare le emissioni di gas serra: detta in soldoni, la questione sul tavolo del summit di Parigi è questa. E i soldi c’entrano eccome, perché un’economia ‘carbon free’ costa, anche se promette un buon ritorno d’investimento’.

‘In ballo, tra l’altro, ci sono 100 miliardi di dollari all’anno sino al 2020 che le nazioni ricche dovrebbero dare a quelle povere per far sì che la loro crescita non poggi sui combustibili fossili, com’è avvenuto in Occidente con due secoli di industrializzazione sporca’.

Questa la sintesi fatta per l’agenzia Ansa da Laura Giannoni: assolutamente efficace.

 

Da Parigi solo un accordo per concorde ipocrisia planetaria. Si trattasse di un trattato, ad esempio, il presidente Obama dovrebbe sottoporlo al voto del Congresso e i Repubblicani… “Ma alcune delle clausole saranno comunque legalmente vincolanti, non stiamo facendo letteratura”, ha detto Fabius al Financial Times. Speriamo.

 

Decarbonizzazione’ una strada senza ritorno. Ma a che velocità percorrerla? Nel 2014 le emissioni globali sono aumentate solo dello 0,5% con 35,7 miliardi di tonnellate di CO2.

Per il 61% di questo carbonio i colpevoli sono soltanto quattro: Cina (30%), Stati Uniti (15%), Ue (10%) e India (6,5%), che sono anche i Paesi con il peso maggiore al tavolo negoziale della Cop21.

 

L’Unione Europea ha fatto i compiti a casa, e l’anno scorso ha tagliato le emissioni del 5,4%. Cina e Usa si sono limitati a frenare l’aumento e hanno registrato un incremento dello 0,9%, inferiore agli anni precedenti, mentre l’India ha avuto un aumento del 7,8%.

I quattro big dell’inquinamento, insieme ad altri 170 Stati, hanno espresso ‘buoni propositi’ di diminuire la CO2, ma nulla di vincolante.

 

Gli Stati Uniti si impegnano a ridurre le emissioni del 26-28% nel 2025 rispetto ai livelli del 2005. L’Ue vuole ridimensionarle del 40% entro il 2030 rispetto ai livelli del 1990. La Cina punta a raggiungere il picco massimo di emissioni entro il 2030, e a ridurre la CO2 per unità di Prodotto interno lordo del 60-65%. Le promesse dell’India prevedono di abbassare la CO2 legata al Pil del 30-35% nel 2030, e soprattutto di arrivare a produrre il 40% dell’elettricità da fonti non fossili nel giro di 15 anni.

 

Tra le restanti nazioni, alcune come Etiopia, Messico e Marocco hanno presentato piani ambiziosi; altre come la Russia, il Canada, il Giappone e l’Australia non si sono sprecate troppo. Facendo la somma degli impegni di tutti i Paesi, e assumendo che saranno rispettati, l’aumento della temperatura globale entro il 2100 sarà di 2,7-3 gradi. Troppi.

 

L’obiettivo è limitare l’impennata del termometro a due gradi rispetto ai livelli preindustriali, meglio ancora un grado e mezzo. Se si sfora, sostengono gli scienziati, gli effetti del cambiamento climatico potrebbero essere devastanti.

 

Un’economia ‘carbon free’ non è certo gratis. Servino risorse. M i vantaggi anche economici superano i costi. Lo ha detto da tempo la Banca Mondiale: combattere il cambiamento climatico farà crescere il Pil mondiale fino a 2.600 miliardi di dollari all’anno entro il 2030 in termini di nuovi posti di lavoro, aumento dei rendimenti agricoli e benefici di salute pubblica. La scelta tra lotta al cambiamento climatico e crescita economica, insomma, è un falso dilemma.

 

Non intervenire, al contrario, ha un costo notevole che finisce soprattutto sulle spalle dei più poveri. Un incremento delle temperature pari a tre gradi, avverte l’Oxfam, da qui al 2050 porterà a 790 miliardi di dollari all’anno il conto che i Paesi in via di sviluppo dovranno pagare per adattarsi al cambiamento climatico, cui si aggiungono 1.700 miliardi all’anno di perdite economiche. A quel punto i 100 miliardi elargiti dagli Stati ricchi sarebbero davvero poca cosa

Potrebbe piacerti anche