Privacy Policy Scandalo Volkswagen e l'omertà in tedesco -
giovedì 5 Dicembre 2019

Scandalo Volkswagen
e l’omertà in tedesco

I tre mistero poco gloriosi della scandalo VW. 1) Il livello di ‘consapevolezza’, chi sapeva e stava zitto. 2) Volkswagen la sola strega cattiva tra i concorrenti ‘Biancaneve’ e nani solo buoni? 3) L’America difende la sua aria e la sua industria, l’Europa assente cose difendeva facendo finta?

Qualcuno si sarà chiesto come mai non si parla quasi più dello scandalo Volkswagen? Le notizie frammentarie, per lo più sulla stampa economica, si riferiscono a “novità” sempre più gravi e pesanti per il colosso tedesco, ma poco o nulla si continua a sapere su almeno tre aspetti fondamentali dello scandalo.

 

w usa fb sito

 

1) La sua genesi, ovvero il livello di responsabilità e di consapevolezza all’interno del gruppo e all’esterno, dai sindacati al governo, dai Laender azionisti alla struttura tecnica dell’azienda. Come si può credere che la decisione di organizzare una truffa planetaria non sia stata in qualche modo condivisa o da qualche parte risaputa?

 

2) Senza nulla togliere alle responsabilità Volkswagen, si può davvero credere alla strega cattiva in mezzo a sette nani (o meglio sette colossi) buoni? Tutte le altre case, tedesche e non, sono al di sopra di ogni sospetto e rispettose di tutte le regole?

Delle due, l’una: o Volkswagen è vittima di una concorrenza esasperata, in particolare nel mercato americano, o attendiamo che qualcun altro non sia al di sopra di ogni sospetto.

Non si tratta soltanto di industrie dell’auto, ma anche i fornitori di software dovrebbe chiarire qualche cosa.

C’é chi usa la pistola, ma c’é anche chi la vende…

 

3) Le autorità americane hanno fatto il loro dovere. Non c’è dubbio, anche se naturalmente in difesa del mercato americano. Ma dov’era l’Europa? Dov’erano le autorità europee e di governo dei singoli stati?

È vero che la Germania si oppose alla piena applicazione degli accordi di Kyoto per proteggere le proprie industrie automobilistiche, all’epoca non in grado di soddisfare quei parametri?

 

w diavolo sito fb

 

In attesa di risposta, l’Europa, proprio in questi giorni, ha accettato di alzare i limiti di emissioni dei motori diesel. Troppo importanti i posti di lavoro, il futuro dell’automobile e dell’indotto.

Tanto peggio per gli altri se è ancora la Germania a farla da padrone, come nella crisi greca e come sta avvenendo sempre in questi giorni sulla problema delle revisioni dei trattati richieste dalla Gran Bretagna.

Ma pochi ne parlano.

 

Come si dice, il silenzio è … d’oro.

Potrebbe piacerti anche