• 19 Febbraio 2020

Pesticida cancerogeno
Pioggia di querele
sui silenzi Monsanto

Monsanto sapeva dei pesanti effetti sulla salute del suo pesticida Roundup ma ha taciuto per tutti questi anni. È questa l’accusa mossa da oltre 700 persone nei confronti del colosso americano del cibo biotech. La maggior parte sono agricoltori o appassionati di giardinaggio ammalati di cancro forse a causa di quell’erbicida. E le denunce aumentano ogni mese, da quando l’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) a marzo ha diffuso un rapporto avvertendo: il Roundup al glifosato è “probabilmente cancerogeno”.

 

erbicida sito fb

 

Un’accusa che l‘azienda respinge categoricamente: “Il nostro è l’erbicida più sicuro al mondo”. Il glifosato non è cancerogeno, ha detto la portavoce dell’azienda Charla Lord, rispondendo a una mail della Reuters. Più o meno quello che Monsanto Europe aveva già scritto a Remocontro diversi mesi fa. Dopo la pubblicazione di due nostri articoli la multinazionale dichiarava: “Esistono più di 800 studi indipendenti che dimostrano il contrario di quello che dice l’Oms.

 

Ma intanto i morti e i malati di cancro – in particolare casi di ‘linfoma non-Hodgkin’ – sono veri. A confermarlo è anche la pioggia di querele che continuano a piovere sulla corporation americana. Così tante che se messe insieme potrebbero rappresentare una delle più ampie class action intentate contro una grande azienda. Tutti i querelanti addebitano al contatto prolungato con il glifosato la formazione di tumori e altre malattie.

 

diserbante killer terra fb

 

Ma l’accusa più pesante arriva da tre avvocati del Delaware, secondo cui Monsanto ha continuato a vendere il Roundup nonostante conoscesse i pericolosi effetti sulla salute. “Possiamo dimostrare che Monsanto sapesse”, ha dichiarato Michael McDivitt, che sta per unire 50 denunce. E nelle carte si legge: “L’azienda ha condotto una campagna di disinformazione per convincere le aziende governative, gli agricoltori e la popolazione in generale che il Roundup era sicuro”.

 

Remocontro

Remocontro

Read Previous

C’ERA UNA VOLTA
I Balcani di un secolo fa
altre fughe altre cronache

Read Next

GATTO RANDAGIO
Rileggendo Céline e Kafka
i Ninos de rua e il Giubileo