Privacy Policy
mercoledì 16 Ottobre 2019

Sui migranti la Chiesa
dà la sveglia al governo

Il segretario della Cei Galantino ribadisce le critiche e attacca anche il governo: ‘Le leggi italiane sanno solo respingere gli immigrati, prima la Turco-Napolitano poi la Bossi-Fini’. Il Pd replica: ‘Ingeneroso’. Monsignor Perego di Migrantes: ‘Stiamo supplendo alle carenze della politica’

Ormai volano parole grosse. Monsignor Galantino, segretario generale della Cei, chiacchierando con un giornalista di Famiglia Cristiana Famiglia Cristiana, si lascia andare e dice senza freni ciò che pensa. Attacca il governo ‘perché del tutto assente sul tema immigrazione’. ‘Perché non basta salvare i migranti in mare per mettere a posto la coscienza nazionale’. E contesta le leggi ‘che in buona sostanza respingono gli immigrati e non prevedono integrazione positiva’. All’accusa fatta a Cei e Caritas di guadagnare con gli immigrati risponde che si tratta di ‘una banalità spaventosa’.

 

Monsignor Galantino, segretario della Cei
Monsignor Galantino, segretario della Cei

 

Ma non si ferma qui, monsignor Galantino: ‘nelle nostre strutture, quelle accreditate, la polizia ci porta gli immigrati e poi chi si è visto si è visto’. Uno sfogo con Famiglia Cristiana non pensato per la pubblicazione ma che è certo sincero. Galantino attacca anche leghisti e Cinque Stelle. ‘I piazzisti sono molti, piazzisti di fanfaronate da osteria, chiacchiere da bar che rilanciate dai media rischiano di provocare conflitti’. ‘Ci sono vescovi che ospitano immigrati a casa propria e non si sono mai riempiti le tasche di soldi, anzi. Lo fanno anche Salvini, Zaia e Grillo?’. Uno sfogo che ‘finisce in pagina’.

 

Famiglia Cristiana, cerca di attenuare: ‘Le dichiarazioni attribuite a mons. Galantino sono state riportate in modo esagerato nei toni all’interno di un colloquio confidenziale col nostro giornalista’. Il settimanale cattolico ammette che Galantino è stato ‘strumentalizzato in quanto l’intervista doveva vertere solo sul progetto della Chiesa italiana’. Con l’unico e vero interesse della Cei ‘che è e resta quello di difendere l’operato del Papa, nella linea del Vangelo secondo le parole di Gesù: “Ero forestiero e mi avete accolto”. Partono le scuse di Famiglia Cristiana che valgono indirettamente per la Cei.

 

Debora Serracchiani, vicesegretario del Pd messo col governo in penitenza, recita il suo compitino: ‘Tutti quelli che dispensano soluzioni, a chi dà giudizi ingenerosi, a chi la fa facile, rispondiamo che questo governo sta affrontando con razionalità una soluzione difficile e lo sta facendo molto meglio che in altre parti’. ‘Nessuno può pensare che l’Italia risolva l’emergenza dell’intero continente da sola, motivo per cui abbiamo fatto sì che tutta l’Europa si muovesse. Abbiamo preso le misure per la sicurezza degli italiani e chiederemo che venga affrontato seriamente il tema del rimpatrio’.

 

Salvini, al suo solito, è rude. E il Monsignore diventa laicamente ‘Signor Galantino, portavoce dei vescovi’. ‘Lui pensa che gli italiani debbano accogliere tutti gli immigrati sempre e comunque. E i leghisti che non la pensano come lui, sono ‘fanfaroni da osteria’. Ma l’Italia è ancora una Repubblica o dipende dal Vaticano? Chiedo a voi amici cattolici ma questo Galantino ha rotto le scatole?’: così su Fb Matteo Salvini. ‘L’immigrazione senza limiti e senza regole è solo caos. Per i 4 milioni di disoccupati e i 9 milioni di poveri, niente alberghi?’, aggiunge Salvini sulla piazza irreale del web.

 

Roberto Fico, per il M5S cerca di correre ai ripari: ‘Nessun asse Lega-M5S, è solo sciacallaggio informativo di chi ci vuol dipingere beceri e inadeguati, addossandoci gli eccessi mediatici e le intolleranze salviniane’. Così il componente del direttorio M5s, in un’intervista al Tg1 che lui pubblica su Fb. ‘Siamo in Parlamento da due anni, saldi, motivati, determinati a far emergere le forze positive di questo paese. Aperti al dialogo, quando questo è seriamente finalizzato all’interesse della collettività. Non una etichetta per nascondere gli interessi particolari di questa o quella lobbie.

 

ITALY-IMMIGRATION-SHIPWRECK

 

Nei fatti, nessuna sosta nel dramma. Nel porto di Reggio Calabria è attraccata la ‘Poseidone’ con 417 migranti di varie nazionalità. Si tratta in particolare di 259 uomini, 95 donne e 63 minorenni. Altri 202 migranti sono arrivati stamane a Pozzallo con nave Phoenix, in parte trasferiti nel centro di prima accoglienza della cittadina marinara, gli altri sono in partenza verso altri centri della Sicilia. Sette le persone ricoverate in ospedale per traumi subito nel corso della traversata. Altri gommoni con migranti avvistati al largo della Libia mentre la flotta anti scafisti Ue fa soccorso in mare.

 

Potrebbe piacerti anche