Privacy Policy
martedì 15 Ottobre 2019

Flotta Eunavfor Med missione Boy Scout

La nave Fiorillo della Guardia Costiera cercava superstiti del peschereccio capovolto con circa 600 persone è ha trovato e soccorso altri 381 migranti, tra cui 55 donne e 26 bambini, provenienti da Siria. Una tragedia dopo l’altra e la flotta militare Ue anti scafisti diventa missione Boy Scout

Cercavano superstiti di un naufragio, il peschereccio che si è capovolto con circa 600 persone ma bordo e si sono trovati a soccorrere un altra imbarcazione con 381 disperati. Una tragedia dopo l’altra con la possente flotta militare Europea che doveva fare la guerra agli scafisti, impegnata solo nei soccorsi. Atto doveroso ma incongruo agli obiettivi promessi. Militari professionisti messi a fare i Boy Scout, è la battuta tra loro, con rispetto dello scautismo che serve però ad altro. Approvata il 30 luglio dalla Camera, la missione navale europea ‘Eunavfor Med’ nasconde molti punti deboli.

barconi-migranti COP

Sappiamo che ne fanno parte 14 Paesi europei, guidati dall’Italia, e l’ammiraglia della missione è la Cavour. Nella prima fase -quella che stiamo vivendo- è previsto il salvataggio dei migranti in mare con regole d’ingaggio e mezzi simili a Mare Nostrum. ‘Search and rescue’, meglio della precedente missione europea Triton, ma lì si ferma. Il problema arriva adesso. Nessuna chiarezza sulle le fasi successive, che prevedono una missione militare vera e propria. L’inciampo, sappiamo è all’origine, le ingenuità della politica estera europea su Onu e Libia che avrebbero applaudito accogliendoci.

L’avvallo Onu per poter intervenire in un vero e proprio conflitto non arriverà mai per le tensioni tra Ue e Russia che al Consiglio di sicurezza Onu può esercitare il veto. Dall’altra, il placet del governo della Libia ad un intervento militare contro nemici presenti sul proprio territorio. La missione Eu dovrebbe svolgersi principalmente in Tripolitania, mentre il governo riconosciuto si trova a Tobruk, Cirenaica. Un caos. Qualcuno ha indicato come modello per Eunavfor Med la missione Atalanta, nel Golfo di Aden e l’Africa orientale. Bersaglio i pirati somali, e non delle navi cariche di migranti.

++ Immigrazione:Frontex,mezzi da 8 Paesi ma non bastano ++

Scemenza assoluta. Scudi umani per gli scafisti e azioni militari in mare di fatto impossibili. Fasi successive della missione Eunav assolutamente incerte se non addirittura improbabili. Con altro problemi in arrivo. A fine luglio il premier britannico Cameron ha ipotizzato un intervento armato inglese contro Isis in Siria e in Libia. Downing Street aveva rivendicato per la Gran Bretagna il ruolo di comando nella missione Eunavfor, data dall’Europa all’Italia. Una missione britannica in Libia -ipotizza l’agenzia Redattore Sociale- potrebbe scavalcare Unione europea e Italia e Eunavfor.

Potrebbe piacerti anche