Privacy Policy
giovedì 19 Settembre 2019

BASTIAN CONTRARIO
C’era una volta Bertinotti
comunista in cachemire

Mario D’Urso, arbiter elegantiarum e avvocato che si destreggiava tra alta finanza, case reali e jet set è morto il 5 giugno scorso. Ha lasciato il guardaroba al nipote e 500mila euro (una miliardata di vecchie lire) al carissimo amico Fausto Bertinotti. Anche la Rcs libri è morta, nella Mondadori

La “Procedura di selezione di un esperto di diritto francese” alla Corte costituzionale è un capolavoro che fa rabbrividire. La Corte cerca un professionista in grado di conoscere benissimo il diritto francese, la sua continua evoluzione legislativa e dottrinale, ma in grado anche di svolgere ricerche analoghe sui paesi di lingua francese, di curare una adeguata rassegna stampa estera. Non solo: un fuoriclasse del genere deve essere di madrelingua francese e laureato in giurisprudenza in Francia, e dimostrare di aver svolto lunghi periodi di studi in università francesi. Bene: per un giurista di queste caratteristiche la Corte prevede un contratto di 12 mesi a 1500 euro netti al mese, più il cellulare, una scrivania e 16 buoni pasto al mese, da 5,20 euro ciascuno (! ). Insomma: a questo superesperto verrà pagato un dodicesimo dello stipendio di un giudice costituzionale e un quattordicesimo del presidente, che incassa 432mila euro lordi (il triplo del suo equivalente negli Usa). Il Bastian dice: cari giudici costituzionali, ma proprio non tenete vergogna?

 

Mario D'Urso e Fausto Bertinotti
Mario D’Urso e Fausto Bertinotti

 

Mario D’Urso è stato per anni l’arbiter elegantiarum più noto in tutto il mondo; avvocato che si destreggiava tra alta finanza, case reali e jet set. E’ morto il 5 giugno scorso, e la sua eredità sartoriale è andata al nipote. Ma D’Urso ha lasciato anche qualcosa come 500mila euro (una miliardata di vecchie lire) a un suo carissimo amico ed emulo nel frequentare salotti e il jet set della Roma bene: Fausto Bertinotti. Cioè il politico che ha continuato a frequentare i salotti anche da segretario del Partito della Rifondazione Comunista, e protagonista della caduta del governo Prodi. Senza mai abbandonare, ovviamente, le amate frequentazioni del top del mondo capitalista. Il Bastian commenta: ma i Bertinotti sono l’immagine del vecchio mondo comunista, o impareggiabili furbetti?

 

Mondadori 600

 

L’amministratore delegato della ex RCS, Pietro Scott Jovane, ha quasi completato il suo lavoro di smantellamento di quella che era stata una delle grandi aziende editoriali d’Italia. Dopo la chiusura di decine di testate della storica Rizzoli adesso è la volta della Rcs Libri che viene ceduta alla Mondadori. La missione affidatagli da John Elkann è compiuta, ma di certo Scott Jovane non rimarrà a spasso. Anche se la buonuscita sarà tale da evitargli preoccupazioni…Il Bastian si chiede: ma adesso che fine farà l’enorme complesso tra palazzi chiusi e quelli recenti al n.8 di via Rizzoli a Milano? Un altro business, ovviamente.

Potrebbe piacerti anche