Privacy Policy
mercoledì 16 Ottobre 2019

Volo Malaysia sull’Ucraina
fu abbattuto da un caccia
Per Mosca fu come Ustica

L’aereo della Malaysia Airlines abbattuto in Ucraina orientale il 17 luglio dell’anno scorso sarebbe stato colpito da un missile aria-aria non di fabbricazione russa. Versione delle autorità di Mosca presentata oggi dal comitato investigativo russo, sulla tragedia in cui morirono 298 persone

Ormai due possibili verità contrapposte. Un missile terra aria sparato della zone dei ribelli filo russi, e adesso il missile aria-aria sparato da un caccia di Kiev contro un bersaglio sbagliato. La nuova ricostruzione di parte russa. L’aereo della Malaysia Airlines abbattuto in Ucraina orientale il 17 luglio dell’anno scorso sarebbe stato colpito da un missile aria-aria non di fabbricazione russa: è questa la versione delle autorità di Mosca presentata oggi dal portavoce del comitato investigativo russo, Vladimir Markin, sulla tragedia in cui morirono 298 persone.

 

Malaysia cop

 

Una versione che cozza con quella raccontata pochi mesi fa da alcuni testimoni vicini al governo dei Keiv, secondo cui ad battere il Boeing della Malaysia Airlines sarebbe stato un missile lanciato da una zona controllata dai ribelli filorussi che il Cremlino è accusato di armare. Anche secondo fonti militari Nato la catastrofe risultava provocata da un missile di fabbricazione rudssa, peraltro in dotazione ad ambedue le parti in conflitto. Ora la perizia di Mosca. ‘Abbiamo informazioni basate sui risultati di test, secondo cui l’aereo è stato abbattuto da un missile aria-aria non prodotto in Russia’.

 

Ustica aereo

 

Secondo il portavoce del comitato investigativo di Mosca, tutto ciò conferma ancora una volta le parole dell’ex meccanico dell’aeronautica militare ucraina Ievgheni Agapov, che la Russia definisce un ‘testimone della tragedia’, e secondo cui un caccia Sukhoi Su-25 ucraino pilotato dal capitano Voloshin sarebbe decollato quel dannato pomeriggio del 17 luglio e sarebbe poi tornato alla base senza munizioni. Il pilota avrebbe poi spiegato ai suoi compagni che “l’aereo era comparso al momento e nel posto sbagliati”. Una situazione fotocopia di Ustica, col dubbio su chi ha sparato.

Potrebbe piacerti anche