Privacy Policy
mercoledì 16 Ottobre 2019

BASTIAN CONTRARIO
Roma ‘divertimentificio’
Firenze turisti da latrina

L’ex direttore de Il Messaggero: “Salviamo il centro storico di Roma invaso dal divertimentificio”. A Firenze accade di peggio: in pieno giorno di defeca in piazza. Altra ‘amenità’ di cronaca, l’asilo lagher col nome degli innocenti Cip e Ciop. Poi il riformismo a 5 stelle ma nessun conto sensato

Vittorio Emiliani, ex direttore de Il Messaggero, ha scritto un appello “Salviamo il centro storico di Roma invaso dal divertimentificio”, ed elenca parecchi casi: la cacciata di negozi storici, librerie, restauratori e altri artigiani; la Guardia di Finanza ha accertato che il 40% dei commercianti non rilascia scontrini e quindi paga tasse ridicole; l’invasione di Bed&Breakfast quasi sempre senza licenza (cento solo a Trastevere). Ancora sulla Capitale: il fatidico Odevaine, che organizzava le cooperative di varia natura (anche legate a CL) per lo smistamento degli immigrati, “smistava” all’estero (Costarica, Cuba, Miami, Venezuela, passando anche per la Svizzera e Londra) il fiume di soldi che incassava .

Il Bastian si augura che magistratura e autorità pubbliche pongano fine a questo macello. Ma anche che ci sia una reazione al “divertimentificio” che imbruttisce quello che qualcuno, giustamente, aveva chiamato “il più bel centro storico del mondo”.

 

Movida a Milano
Movida a Milano

 

L’Istat ha analizzato sotto il profilo economico alcune proposte avanzate dal M5S. L’Istituto di statistica ha certificato che il “reddito di cittadinanza” (una misura di sostegno ai 3 milioni tra single e famiglie che vivono sotto la soglia di povertà) costerebbe circa 15 miliardi di euro. L’altra proposta M5S sul salario minimo costerebbe di più: circa 23,5 miliardi, e interesserebbe circa 1 milione e 960mila persone.

Il Bastian chiede al M5S: quali tasse in più proponete per i 38,5 miliardi di euro che dovrebbero uscire dalle casse dello Stato?

 

Due maestre di Pistoia sono state condannate a sei anni di carcere per i maltrattamenti che infliggevano ai bimbi dell’asilo CipCiop: li obbligavano a mangiare quello che avevano appena vomitato, oppure costretti a mangiare dopo essere stati afferrati per i capelli e sbattuti con la nuca sulla spalliera del seggiolone, oppure obbligati a deglutire con un bavaglio premuto a lungo sulla bocca, e poi presi a schiaffi e botte in testa. Poi venivano messi in una stanza e, se piangevano, le maestre (Elena Pesce e Anna Laura Scuderi) alzavano il volume della radio. Il Bastian applaude alla Corte di Cassazione che ha confermato la condanna delle due.

 

Firenze, degrado
Firenze, degrado

Hanno fatto il giro del mondo le foto scattate da alcuni cittadini di Firenze di persone che in piazza Indipendenza, facevano tranquillamente i loro bisogni all’aperto, in particolare una grassona che si è alzata la veste e, culo ignudo, ha poi defecato tra le macchine in sosta, oppure un vicino angolo trasformato in pisciatoio maschile.

Il Bastian chiede a magistrati e polizia: ma a quei cittadini immortalati nelle foto non farebbe bene una severa condanna?

Potrebbe piacerti anche