mercoledì 20 marzo 2019

MARE MONSTRUM

Naufragio di migranti nel Canale di Sicilia, si temono 700 morti. Salvati 28 immigrati. Recuperati 21 cadaveri. Il naufragio sarebbe avvenuto con una nave di soccorso in vista. All’avvicinarsi del mercantile, i migranti si sarebbero portati tutti su un lato del peschereccio facendolo capovolgere

Nuova strage di migranti nel canale di Sicilia: un barcone con circa 700 migranti si è capovolto la scorsa notte a circa 60 miglia a nord della Libia. Un mercantile dirottato nella zona ha recuperato 28 superstiti. Un’imponente operazione di soccorso coordinata dalla Guardia Costiera; vi partecipano unità navali e aeree della stessa Guardia costiera, mercantili che sono stati dirottati in zona, e inoltre mezzi aerei e navali della marina militare e della guardia di finanza impegnati nell’operazione Triton dell’agenzia Frontex. Sono 24 i cadaveri recuperati finora.

 

morti migranti annegato 800

 

La ricostruzione – Dal peschereccio, secondo le prime informazioni, era stata lanciata ieri una richiesta di aiuto al centro nazionale soccorso della Guardia Costiera a cui era stato riferito di difficoltà di navigazione di una unità con circa 700 migranti a bordo. La sala operativa del Comando generale delle Capitanerie di porto ha dirottato un mercantile portoghese, che giunto in prossimità del mezzo in difficoltà, ha visto il peschereccio capovolgersi. Sono iniziate frenetiche operazioni di soccorso che hanno consentito di recuperare 28 persone finite in mare.

 

Luogo del naufragio
Luogo del naufragio

 

Potrebbe piacerti anche