Privacy Policy BASTIAN CONTRARIO G8 Genova, botte e carriere Redenzione di Totò Cuffaro -
sabato 18 Gennaio 2020

BASTIAN CONTRARIO
G8 Genova, botte e carriere
Redenzione di Totò Cuffaro

Botte sistematiche e terrore che diventano tortura, ma qualcuno comunque coinvolto per ruolo di comando farà carriera. L’ex presidente della Regione Sicilia Totò Cuffaro, in carcere a Rebibbia si dichiara redento nella fede mentre il povero De Gennaro deve faticare ancora a capo di Finmeccanica

I pestaggi e le torture al G8 di Genova. Dopo 14 anni l’Italia riceve una palata di m… in faccia per la quale dovremmo tutti vergognarci, noi italiani. Ma qualcuno dovrebbe vergognarsi di più: i poliziotti torturatori (figuriamoci…), le autorità italiane che coprirono i torturatori, non fornendo la collaborazione dovuta (PRIMA DI TUTTO PER UN SENSO MORALE, PERBACCO) per la loro identificazione, i presidenti del Consiglio, lo stesso Parlamento che nulla fece per almeno ovviare alla mancanza di una norma legislativa contro la tortura.

Ma l’Oscar dell’ignominia va all’allora capo dei poliziotti, il signor De Gennaro, che da allora è stato premiato con una fulgida carriera: nominato capo dei servizi segreti interni, poi sottosegretario del governo Monti, poi presidente di Finmeccanica. E giustamente Sergio Rizzo (Corsera) si chiede: ma è opportuno che un signore con il pedigree infangato dalle torture della Diaz possa guidare un ente delicato (ed esposto ai giudizi internazionali) come Finmeccanica? Certo, De Gennaro in passato è stato assolto. Ma i fatti della Diaz restano.

E la condanna europea all’Italia riguarda anche lui. Please, qualcuno segnali a Matteo Renzi che il pedigree del capo di Finmeccanica è stato sporcato, e all’Italia non giova.

 

La polizia alla scuola Diaz dopo la matanza
La polizia alla scuola Diaz dopo la matanza

 

Bastian contrario si permette di incitare ancora il capo del governo Renzi: dài, fai qualcosa di sinistra, non farti surclassare dai greci. Atene chiede i danni di guerra alla Germania, nella modica cifra di oltre 287 miliardi di euro. Renzi, forse devi fare un ripasso storico? L’Italia (peraltro molto più grande della Grecia) nella seconda guerra mondiale è stata invasa in lungo e in largo dalle truppe hitleriane, e non c’è da ricordare soltanto il massacro di Sant’Anna di Stazzema, in Toscana.

Prima, dal Sud al Nord, le truppe hitleriane hanno ammazzato migliaia di persone (non solo i resistenti di qualsiasi fede politica), distrutto monumenti da Napoli a Roma e su su fino a Milano. E noi che siamo? Meno dei greci? Se loro vogliono 287 miliardi di euro per i danni di guerra, noi dobbiamo pretenderne almeno cinque volte tanto. E comunque chiedere a Tsipras di pagare i debiti che ha con l’Italia… Dai, Renzi, fa qualcosa di sinistra. Anche se alla Merkel vien da ridere. Magari anche al Bastian contrario, se è “di sinistra” sparare puttanate come la Grecia.

 

L'ex governatore della Sicilia Totò Cuffaro in carcere Rebibbia
L’ex governatore della Sicilia Totò Cuffaro in carcere Rebibbia

 

Un’ultima annotazione: l’ex presidente della Regione Sicilia, Totò Cuffaro, condannato a 7 anni per favoreggiamento alla mafia, e oggi residente nel carcere di Rebibbia, ha scritto una commossa lettera al giornale Avvenire. E dice: in carcere ho trovato Dio. Il Bastian si permette di suggerirgli: ringrazia chi ti ha condannato e chiedi di aumentarti il soggiorno a Rebibbia, così stai più insieme con Dio, mica un mafioso qualsiasi, né?

Potrebbe piacerti anche