Privacy Policy Attacco di jihadisti somali contro studenti in Kenya. Chi sono gli 'Al-Shabaab' -
sabato 7 Dicembre 2019

Attacco di jihadisti somali contro studenti in Kenya. Chi sono gli ‘Al-Shabaab’

Il gruppo estremista islamico somalo Al-Shabaab ha rivendicato l’attacco in un campus universitario di Garissa, nell’est del Kenya, che ha provocato almeno 15 morti e 60 feriti. Mancano notizie di oltre 500 studenti. Gli estremisti avrebbero separato gli studenti cristiani da quelli musulmani

Nel 2013 Al-Shabab ha attaccato il centro commerciale Westgate Mall di Nairobi, provocando decine di morti. Il mese scorso il gruppo ha rivendicato gli attacchi nella contea di Mandera, sul confine con la Somalia, in cui sono rimaste uccise 12 persone, incluse quattro che erano al seguito del governatore Ali Roba. Dati statistici forniti dalla polizia indicano che 312 persone sono rimaste uccise in attacchi sferrati da Al-Shabab in Kenya dal 2012 al 2014. Nello stesso periodo 38 persone sono morte e 149 sono rimaste ferite proprio a Garissa.

Kenya: attacco Al-Shabaab, nessuna notizia di 500 studenti

Nella Somalia precipitata nel caos e nella guerra civile dopo la caduta del dittatore Siad Barre nel 1991 – decisivo l’intervento americano e degli alleati occidentali, Italiani compresi, a fianco dei ribelli nell’operazione “Restore Hope” – gli al Shabaab (“giovani”, in arabo) cominciano a definirsi come organizzazione integralista pochi anni dopo nel corso dell’insurrezione contro le truppe etiopi. Queste ultime erano penetrate in Somalia nel 2006 per rovesciare, sempre con il sostegno degli Usa, l’Unione dei Tribunali Islamici che aveva preso il controllo della capitale Mogadiscio.

Nel 2009 gli al Shabaab hanno dichiarato la loro alleanza con al-Qaida che li ha ufficialmente integrati nella sua rete terroristica all’inizio del 2012. Ciò nonostante, nel 2011 sono stati costretti a ritirarsi da Mogadiscio dai soldati dell’Unione Africana (Amisom) e hanno gradualmente perso tutte le loro roccaforti nel centro e nel sud del Paese. Continuano pero’ a controllare vaste zone rurali e da qui partono per spettacolari quanto sanguinosi attentati sia a Mogadiscio sia, dall’anno scorso, anche nel vicino Kenya. Nairobi e’, a loro avviso, colpevole di aver lanciato proprio a partire dalla fine del 2011 una campagna militare contro le loro basi nel sud della Somalia.

Kenya strage

Attualmente l’organizzazione terroristica può contare su migliaia di guerriglieri (tra i 5.000 e i 9.000 secondo gli osservatori) e sul sostegno obbligato delle popolazioni rurali, prive di qualsiasi difesa, praticamente abbandonate dal traballante potere centrale e sottoposte a vessazioni di ogni genere dai radicali islamici. Contro di loro sono schierati i militari dell’Unione Africana (22.000 uomini) che finora pero’ non hanno spinto la loro offensiva vero l’estremità meridionale della Somalia.

Potrebbe piacerti anche