Privacy Policy
mercoledì 16 Ottobre 2019

Alluvione in Francia
il sindaco in galera
Italia senza prigioni?

4 anni al sindaco per alluvione. In Francia. “Nascose il rischio inondazioni per permettere la costruzione case”. René Marratier, l’ex sindaco di Faute-sur-Mer, nell’ovest della Francia che nel 2010 fu devastata dalla tempesta Xynthia, condannato senza condizionale, ora andrà dritto in galera

FRANCIA MAPPA ALLUVIONE 600

 

La notizia è stringata anche sulla stampa francese. René Marratier, l’ex sindaco di Faute-sur-Mer, cittadina dell’ovest della Francia che nel 2010 fu devastata dal passaggio della tempesta Xynthia, è stato condannato a 4 anni di prigione senza condizionale. Galera quindi. L’ex primo cittadino della cittadina balneare sulla costa atlantica, vicini a La Rochelle, nel dipartimento della Vandea e nella regione dei Paesi della Loira avrebbe ‘intenzionalmente occultato il rischio inondazione che pesava su alcune zone in cui fu autorizzata la costruzione per non ostacolare gli investimenti immobiliari’.

René Marratier, l'ex sindaco di Faute-sur-Mer, condannato a 4 anni di carcere
René Marratier, l’ex sindaco di Faute-sur-Mer, condannato a 4 anni di carcere

 

La tempesta Xynthia del 28 febbraio 2010 causò 29 vittime ed immensi danni materiali su tutta la costa atlantica, ma in particolare sull’area residenziale del piccolo comune che si affaccia su un tratto di costa verso la baia de l’Aiguillon, ‘il pungiglione’. Si quel promontorio tra il mare aperto e la foce del fiume fu costruito un insediamento di villette turistiche in violazione a già esistenti valutazioni di pericolo. Dopo l’evento l’area è stata dichiarata dalla prefettura «zone noire» e quindi oltre 600 case sono state abbattute o delocalizzate. Stiamo parlando sempre della Francia.

 

fRANCIA CASE SITO

 

 

Potrebbe piacerti anche