Privacy Policy
mercoledì 16 Ottobre 2019

Liberato in Libia
restano ostaggio le
cooperanti ragazzine

E’ stato liberato Marco Vallisa, il tecnico italiano rapito in Libia in luglio. Cinquantaquattro anni, originario di Roveleto di Cadeo in provincia di Piacenza. Ancora 5 gli italiani sequestrati all’estero. Tra loro le due cooperanti ragazzine Vanessa Marzullo e Greta Ramelli, scomparse in Siria

E’ stato liberato Marco Vallisa, il tecnico italiano rapito in Libia il 5 luglio 2014. Cinquantaquattro anni, originario di Roveleto di Cadeo in provincia di Piacenza, Vallisa era impegnato in un cantiere quando è stato rapito insieme con altri due colleghi, il bosniaco Petar Matic e il macedone Emilio Gafuri, nella città costiera di Zuara, abitata in prevalenza da berberi. Matic e Gafuri erano stati poi rilasciati due giorni dopo. Si è subito pensato a un rapimento a fine di riscatto. Pista del sequestro ‘politico improbabile perché in una zona lontana dalla Cirenaica dove si concentrano i ribelli jihadisti.

 

Marco Vallisa, il tecnico liberato
Marco Vallisa, il tecnico liberato

 

Festeggia il neo ministro degli esteri Gentiloni che ringrazia senza nominarli tutti gli agenti Aise, i servizi segreti esteri, che da mesi hanno evidentemente lavorato per la liberazione di Marco Vallisa, quasi certamente pagando un riscatto. Ma questo non lo ammetterà mai nessuno. ‘Gioco di squadra’ dice il ministro, dall’Unità di crisi del ministero degli Esteri, ai nostri servizi d’informazione e all ‘ambasciata d’Italia a Tripoli’. Applausi e preoccupazioni per chi ancora resta nelle mani dei rapitori. Situazione sostanzialmente più facile quella libica dove si aveva a che fare con dei ‘normali banditi’.

 

L'Ambasciata d'Italia a Tripoli
L’Ambasciata d’Italia a Tripoli

 

Sono ancora cinque gli italiani sequestrati all’estero, quasi tutti in situazioni territoriali e politiche più complesse. Da più di 2 anni mancano notizie del cooperante palermitano Giovanni Lo Porto, scomparso il 19 gennaio 2012 tra Pakistan e Afghanistan. Sequestro di alto valore politico quello del gesuita romano padre Paolo Dall’Oglio, sequestrato a fine luglio 2013 in Siria. Altro sequestro in Libia, quello del tecnico veneto Gianluca Salviato, rapito il 22 marzo 2014. Infine l’avventura delle due cooperanti ragazzine Vanessa Marzullo e Greta Ramelli, scomparse in Siria dal 31 luglio 2014.

Potrebbe piacerti anche