Privacy Policy Mare Nostrum addio Sarà 'Triton' dell' Ue, inganno ai disperati -
sabato 14 Dicembre 2019

Mare Nostrum addio
Sarà ‘Triton’ dell’ Ue,
inganno ai disperati

Tanta retorica e qualche bugia dietro il passaggio di consegne tra l’operazione italiana Mare Nostrum e l’europea Triton che vedremo, forse, entro fine anno. Una guerra sul fronte della disperazione combattuta dall’Italia da sola e ora passata con obiettivi molto più limitati a Frontex

Sono i numeri di una guerra sul fronte della disperazione: 558 interventi, 100.250 persone soccorse sulle circa 155mila sbarcate in Italia dalla Libia tra gennaio e ottobre, 728 scafisti arrestati e 8 navi sequestrate. L’operazione cominciata l’anno scorso dopo la tragedia di Lampedusa si è conclusa per eccesso di costi. Tante vite umane salvate ma troppi soldi spesi dalla sola Italia. Da novembre siamo all’Operazione Triton coordinata dall’agenzia europea Frontex. Compiti più limitati rispetto a Mare Nostrum. L’Ue ha molti più soldi ma non freme dalla voglia di spenderli sul fronte Mediterraneo.

 

triton sito

 

Il Ministro degli Interni Angelino Alfano si/ci applaude per ‘essere stati un modello e un esempio per l’Europa’ ma nessuno pare voglia emularci. Nessun partner europeo si sta dannando dalla fretta. Lento afflusso dei pochi mezzi europei che richiederà almeno due mesi di transizione con la nostra Marina a tenere in mare almeno 4 navi. Triton sarà solo una missione di controllo delle frontiere marittime e non di soccorso come è Mare Nostrum, e non potrebbe essere diverso visto che il tutto comprenderà due navi d’altura, due navi di pattuglia costiera, 2 motovedette, 2 aerei e un elicottero.

 

I pochi mezzi aerei e navali messi in campo dai partner europei non risolveranno il problema anche perché con Triton opera al massimo a 30 miglia dalla costa, non sarà così possibile pattugliare il mare aperto e i clandestini continueranno a raggiungere l’Italia. Con i soli mezzi di Triton in mare non sarà più possibile “intercettare” i barconi dei clandestini a ridosso delle coste libiche come è stato fatto finora dalla Marina Militare e ben difficilmente il debole dispositivo messo in campo dalla Ue potrà fronteggiare eventuali e probabili emergenze che ricadranno sulla spalle dell’Italia.

 

Solo vantaggio percepibile di Triton, quello di ridurre i costi sostenuti per tenere in mare navi ed equipaggi. Analisi Difesa scrive di 10 milioni di euro al mese, 114 milioni spesi finora. Triton ne costerà solo 3, ma sarà ben piccola cosa e Frontex spende anche soldi italiani. Cosa potrà accedere ora in mare? In una sua analisi, Gianandrea Gaiani preconizza che, ‘senza Mare Nostrum, i barconi tornino a puntare su Lampedusa come facevano prima, col rischio di nuove tragedie e sovraccarico delle infrastrutture dell’isola che la Marina verrebbe chiamata ad alleggerire in eterna emergenza’.

 

Mare Nostrumnave e profughi sito

 

Forse dovrà cambiare qualcosa anche per i trafficanti di esseri umani. Nell’ultimo anno gli scafisti hanno messo in mare qualsiasi cosa fosse in grado di galleggiare. Conseguenza, ben di più dei 691 morti e 1.499 presunti dispersi dichiarati dal Viminale. Ma da oggi vale la severità anglosassone: non incentivare l’immigrazione clandestina. Ecco cosa dice apertamente il Foreing Office: ‘Niente più ricerca o salvataggio perché riteniamo che queste missioni di soccorso abbiamo incoraggiato più migranti a tentare la traversata pericolosa del mare e determinando le morti più tragiche ed inutili’.

 

Potrebbe piacerti anche