Privacy Policy
lunedì 18 20 Novembre19

Turchia alla guerra
con 10mila soldati
contro IS e Assad

Il Parlamento di Ankara schiera diecimila soldati al confine con la Siria. Dietro l’iniziativa non c’è solo la preoccupazione per l’avanzata dello Stato Islamico o la volontà di allinearsi con gli alleati Nato ma il tentativo di rilanciare la politica anti Assad portata avanti negli ultimi 2 anni

Con 298 voti a favore e 98 contrari il Parlamento di Ankara autorizza le truppe turche a condurre operazioni di terra, in Iraq e Siria, contro lo Stato Islamico e il regime di Bashar Assad aprendo un nuovo capitolo del conflitto in corso in Medio Oriente. Finora la coalizione guidata dagli Stati Uniti contro Isis ha condotto solo raid aerei e gli alleati arabi di Washington avevano avallato l’operazione anti-terrorismo senza sbilanciarsi sulle operazioni di terra. Il Segretario di Stato Kerry aveva parlato di «contatti in corso con i partner» sull’offensiva di terra ma è Ankara che compie la prima mossa.

 

CONFINE Siria-Turchia sito 800

 

La legge assomiglia a un piano di operazioni. Il governo ha per 1 anno «l’autorizzazione a compiere interventi contro gruppi terroristi in Siria ed Iraq al fine di creare zone sicure per i profughi dentro la Siria e proteggerle con delle no fly zone, oltre a poter addestrare e fornire logistica e armamenti all’Esercito di liberazione siriano» ovvero i ribelli filo-occidentali. Il testo prevede la possibilità di «far transitare sul territorio turco forze militari straniere». Via libera agli Stati Uniti di sfruttare le basi Nato e ai guerriglieri curdi del Pkk si passare la frontiera per sostenere i reparti di peshmerga.

 

Sebbene il ministro della Difesa Yilmez, affermi che «non siamo tenuti a prendere iniziative immediate» la Turchia diventa da subito il Paese della coalizione anti-Isis con più carte tattiche da giocare: può assumere la leadership delle operazioni di terra, liberare zone lungo il confine e coordinare l’afflusso di contingenti curdi verso la città di Kobani, assediata dai miliziani di Isis che sembrano sul punto di prevalere. E può anche attaccare le forze di Assad -ecco il punto- definite da Yilmaz «la vera origine di Isis a causa dei massacri di civili compiuti sin dall’inizio della guerra civile».

 

Gruppo di miliziani Isis
Gruppo di miliziani Isis

 

La presidenza Erdogan marca il terreno. Ankara che da almeno 2 anni appoggiare i ribelli anti Assad, ha garantito aiuti e libero transito sui propri territori ai volontari jihadisti in arrivo dal mondo, oggi rilancia. Il progetto strategico è rivelato dal quotidiano Hurriyet. «Bufer zone», detta all’americana, o meglio, zona cuscinetto tra Turchia e Isis in Iraq e Siria, ma in casa loro, in territorio in gran parte abitato da curdi sia in Iraq, sia in Siria. Secondo Hurriyet Ankara sarebbe «pronta a procedere anche senza l’aiuto di militari stranieri» alla creazione delle zone cuscinetto. Guerra nella guerra.

 

Potrebbe piacerti anche